Udinese e Napoli ko, la Roma vince e riduce il gap. Juventus a -2 dal Milan

La Juve strapazza il Napoli, in rete anche VidalLa 30/a giornata del campionato di Serie A si è rivelata una tornata favorevole alla Roma che, grazie alla vittoria per 5 a 2 sul Novara (da segnalare la prima rete italiana dell’ex Fluminense Marquinho) in orario di pranzo e grazie soprattutto alle sconfitte di Lazio (nell’anticipo di Parma), Udinese (A Siena, rete di Destro) e Napoli (nel posticipo con la Juve a Torino), ha ridotto ulteriormente il gap ed è ora ad un solo passo dall’accoppiata campano-friulana (47 punti contro 48) e a quattro lunghezze dalla terza piazza, occupata dai “cugini” biancocelesti.
Vince ancora l’imbattuta e lanciatissima Juventus di Conte. La squadra torinese, con un sonoro e meritato 3 a 0, liquida l’opaco Napoli di Mazzarri, nel posticipo di Serie A, e approfitta del pari rossonero per ridurre ancora il gap dal Milan, portandosi a quota 62, a solo due lunghezze dall’undici di Allegri.
Festa bianconera, quindi, allo Juventus Stadium, inaugurata dalla fortunosa rete di Bonucci che devia col ginocchio la conclusione di Vucinic e spiazza De Sanctis. Il raddoppio, invece, arriva grazie alla bomba di sinistro, in area, di Vidal (sicuramente il migliore in campo), imitato nel finale, ma di destro, dal napoletano doc Quagliarella.
E’ festa anche per l’Inter di Stramaccioni. Il 36enne mister capitolino brinda con un successo alla sua prima sulla panchina nerazzurra. Ma contro il Genoa, piegato per 5 a 4 (9 goals, 4 rigori e due espulsioni), al termine di una sfida dalle emozioni infinite, è stata dura e qualcosa, in difesa, andrà registrato. Ma i tre punti, e questa è la cosa importante, sono arrivati per la felicità di un Moratti più brioso del solito in tribuna.
Prima gioia stagionale esterna, in Serie A, per il Palermo di Mutti che passa al Dall’Ara, contro il Bologna, per 3 a 1, e si allonatana dalle zone calde della graduatoria, corsaro anche il Chievo che affossa sempre più una Fiorentina disperata. Vantaggio gialloblù con Pellissier, al Franchi, pareggio di Ljajic, con una meravigliosa punizione, ma rete decisiva, per la vittoria dei veronesi, ancora con Rigoni, giustiziere della Viola anche all’andata. E’ crisi nera per i toscani di Delio Rossi, urge un’inversione di rotta decisa o gli scogli della Serie B incomberanno sempre più.
Sarà sofferenza fino alla fine anche per il Lecce di Cosmi che, nonostante varie occasioni, rimedia solo un punto nella sfida interna con iun coriaceo Cesena, e resta terz’ultimo in classifica. Per il tecnico dei salentini la prossima sfida, contro la Roma, sabato alle 15, sarà speciale. Per tanti motivi.

Sabato
Catania – Milan 1-1 (Robihno(M), Spolli(C) )
Parma – Lazio 3-1 (Mariga(P), Floccari(P), Scaloni(L), Floccari(P) )
Domenica
Roma – Novara 5-2 (Caracciolo(N), Marquinho(R), Osvaldo(R), Simplicio(R), Bojan(R), Morimoto(N), Lamela(R) )
Bologna – Palermo 1-3 (Sorensen(B), Budan(P), Hernandez(P), Ilicic(P) )
Cagliari – Atalanta 2-0 (Conti, Pinilla)
Fiorentina – Chievo 1-2 (Pellissier(CV), Ljiaic(F), Rigoni(CV) )
Inter – Genoa 5-4 (Milito(I), Milito(I), Samuel(I), Moretti(G), Palacio(rig. G), Zarate(I), Gilardino(rig.G), Milito(rig.I), Gilardino(rig.G) )
Lecce – Cesena 0-0
Siena – Udinese 1-0 (Destro)
Posticipo
Juventus-Napoli 3-0 (Bonucci, Vidal, Quagliarella)

Speak Your Mind

*