Tottenham-Liverpool alle 21. A Madrid si assegna la Champions League

Poche ore e Tottenham e Liverpool si contenderanno la Champions League 2019 al “Wanda Metropolitano” di Madrid (diretta Sky e Rai Uno), tempio dei colchoneros dell’Atletico. Dopo il trionfo del Chelsea di Sarri, in Europa League, chi succederà al Real? Sarà il Tottenham alla sua prima storica finale di questa competizione, oppure sarà la sesta volta per i Reds di Klopp? Emozioni in arrivo!

Tottenham in campo per la storia, torna Kane dall’inizio?

In casa Tottenham cresce sempre di più l’adrenalina per una Finale, quella di Champions, storica per il club londinese. Dalla Finale di Coppa Uefa con l’Anderlecht del 1984, vinta ai rigori, la squadra inglese non ha più raggiunto considerevoli traguardi europei, fino a quello di questa sera, in questa grande classica inglese contro il Liverpool.

Vogliamo scrivere la storia, abbiamo tutti i giocatori disponibili ma non sarà semplice prendere una decisione“, queste le parole, alla vigilia, di Mauricio Pochettino, tecnico ambito da tante squadre (tra le quali la Juventus) ma con la testa solo a questo fondamentale match. E la gran bella notizia arriva dall’infermeria, con la convocazione, dopo solamente due mesi dall’infortunio al legamento, di Harry Kane.

L’Uragano sarà in campo dal primo minuto? Questo non lo sappiamo, ma il forte centravanti inglese è pronto a dare il suo contributo. Così come Son e lo scatenato Lucas Moura, protagonista decisivo nel ritorno con l’Ajax e il conseguente approdo a questa storica finale. Intoccabile, naturalmente, il campione del mondo Lloris tra i pali, difesa che premia Alderweireld e Vertonghen al centro con Trippier e Rose sulle fasce.

Liverpool a caccia della sesta gioia. I Reds ci riprovano dopo la finale persa nel 2018

Se per il Tottenham è una novità assoluta, grande tradizione accompagna invece il Liverpool, giunto alla sua nona Finale di Champions. Per 5 volte trionfatore (l’ultimo successo risale però all’edizione 2004-2005), il team di Anfield cerca un altro successo, che cancelli gli ultimi due ko, arrivati per mano del Milan nel 2007 (2 a 1 il finale per i rossoneri) e, recentemente, del Real, nel 2018 (vittorioso per 3 a 1).

Senza Keita, Klopp deve fare i conti, passando alle formazioni, con il dubbio Firmino: il bomber brasiliano è recuperato e sarà del match, ma non sappiamo se dall’inizio o a gara in corso. Non va trascurata, quindi, l’ipotesi Origi, con il talento belga pronto a sfruttare una chance dal’inizio nel tridente completato dagli intoccabili Salah e Mané.

In zona mediana, invece, tutto ampiamente deciso con Fabinho ed Henderson in campo insieme a Wijnaldum (il giustiziere del Barca, sostanzialmente, ndr). In porta ci sarà Alisson, davanti a lui la linea difensiva ideale con la coppia Matip-Van Dijk oltre ai laterali Alexander-Arnold e Robertson.

Le probabili formazioni:

Tottenham (4-2-3-1): Lloris; Trippier, Alderweireld, Vertonghen, Rose; Winks, Sissoko; Lucas Moura, Eriksen, Alli; Son. All. Pochettino.

Liverpool (4-3-3): Alisson; Alexander-Arnold, Matip, Van Dijk, Robertson; Fabinho, Henderson, Wijnaldum; Salah, Firmino, Mané. All. Klopp. (Fonte Sky)

Speak Your Mind

*