Stasera Inghilterra-Spagna a Wembley. Debutto ufficiale per Luis Enrique

Nations League: Luis Enrique sfida l'Inghilterra

Luis Enrique al debutto ufficiale sulla panchina della Spagna. Avversaria l’Inghilterra a Wembley

Poche ore e sarà grande calcio con InghilterraSpagna, supersfida del Gruppo 4 della “Serie A” della Nations League. Dopo il pareggio tra Germania e Francia nella giornata inaugurale, alle 20:45 a Wembley scendono in campo la nuova Spagna di Luis Enrique, a caccia di riscatto dopo le delusioni russe e l’Inghilterra di Southgate, reduce invece da un Mondiale positivo. L’arbitro del match sarà l’olandese Makkelie.

Debutto ufficiale per Luis Enrique. Kane in campo con scarpe dorate

Dopo 15 mesi di assenza (“sabbatica”), Luis Enrique torna in pista e lo fa con il chiaro obiettivo di ridisegnare una Spagna uscita malconcia dalla spedizione russa. Debutto ufficiale da brividi per l’ex tecnico di Roma e Barcellona, che contro l’Inghilterra, nel tempio di Wembley, si prepara a schierare la Roja con un 4-3-3 nel quale non ci saranno due giganti della “Generacion Dorada” come Iniesta e Piqué, ma anche David Silva, il quale ha detto addio alla nazionale dopo aver realizzato 35 gol in 125 presenze.

Ci sarà, invece, un fuoriclasse come Sergio Ramos. Il baluardo difensivo del Real sarà ancora il perno della difesa delle Furie Rosse, insieme a Inigo Martinez, mentre restano dubbi per i ruoli di terzini. Busquets avrà in mano le chiavi del centrocampo, mentre in attacco il tridente sarà composto da Isco, Asensio e Rodrigo (che si gioca il posto con Morata).

Tre vittorie e una sola sconfitta nelle ultime 5 partite tra Inghilterra e Spagna, con la Roja che non perde da 24 partite, venti gare con Lopetegui e 4 in Russia con Hierro. Per sconfessare queste cifre, e cercare di mandare al tappeto la nazionale iberica, il ct inglese Southgate si affida sempre a lui, l’Uragano, Harry Kane, che sarà in campo con degli scarpini dorati per festeggiare la “Scarpa d’oro“, conquistata come miglior bomber del Mondiale di Russia che ha visto i britannici classificarsi al quarto posto.

Confermata la difesa a tre, che tanto ha fatto bene in Russia. Davanti a Pickford ci saranno, quindi, Walker, Stones e Maguire. A centrocampo, infine, spazio a Dier, nel ruolo di metodista, con Loftus-Cheek e Dele Alli mezzale (sugli esterni Trippier e Delph, quest’ultimo al posto dell’infortunato Young).

Speak Your Mind

*