Serie A: Risultati seconda giornata. Chievo in testa, goals e spettacolo tra Juve e Samp

Chievo capolista. Grazie al meritato successo conquistato per 3 a 1 al Ferraris contro il Genoa, nella seconda giornata di Serie A, la formazione di Stefano Pioli vola da sola in testa alla classifica con sei punti. Destro (giovane Under 21 all’esordio nel massimo campionato italiano al posto dell’infortunato Toni) firma l’illusorio vantaggio rossoblu, poi ci pensano Moscardelli (al secondo goal in due incontri), Marcolini e Pellissier a lanciare i “Mussi” in testa alla graduatoria.
Il big match di giornata, invece, tra Juventus e Sampdoria si chiude sul rocambolesco risultato di 3 a 3, al termine di una gara ricca di emozioni. Pazzini da forfait all’ultimo, “baby” Pozzi non lo fa rimpiangere, firmando una splendida e decisiva doppietta. Proprio lui insacca il pallone del vantaggio blucerchiato, su assist di Cassano.
La squadra di Delneri reagisce prontamente e, con Marchisio, in finale di frazione, ottiene il punto dell’uno a uno. Ripresa straordinaria, da parte delle due squadre, brillanti dalla cintola in su, meno in difesa. Il primo acuto lo regala Pepe: cross tagliato di Krasic in area, Gastaldello mette in difficoltà Curci che respinge come può, ma sulla sfera si avventa Pepe che manda dentro, al 50′.
2 a 1 bianconero che non dura però molto. Al 64′, infatti, Cassano imbeccato in area trafigge Storari che sfiora solamente la sfera, la quale rotola dolcemente in fondo al sacco, accompagnata dallo sguardo di Pozzi che aveva seguito l’azione.
Gara fantastica. Tre minuti dopo il 2 a 2 sampdoriano, arriva il nuovo vantaggio della Juventus. Ancora Pepe protagonista: l’attaccante colpisce da buona distanza, palo pieno e palla che arriva sui piedi di Quagliarella per il più facile dei goal. Primo centro con la maglia della Signora per l’ex Napoli.
Match finito? Tutt’altro. Infatti, al 73′ ancora Pozzi, in giornata di gloria, sfrutta le amnesie difensive bianconere per realizzare, di testa, il definitivo 3 a 3. Juventus rimontata due volte e costretta, ancora, ad inseguire il primo successo in Serie A di questa stagione.
Passando agli altri risultati, il “profeta” Hernanes guida la Lazio al successo e al riscatto dopo la sconfitta di Genova all’esordio. Suo il punto del 3 a 1 finale, dal dischetto, contro il Bologna, colpito dal vantaggio laziale di Mauri e dal raddoppio siglato invece da capitan Rocchi (prova opaca dell’argentino Zarate, sostituito all’intervallo). Di Mudingayi, ex biancoceleste, con una sassata di sinistro, la rete della bandiera dell’undici di Malesani.
Parma sconfitto a Catania, da due rigori di Mascara. Di Giovinco, su punizione, l’uno a due finale che però non serve ai ducali per uscire con un risultato positivo dal Massimino. Brutto ko anche per la Fiorentina di Mihajlovic, ma probabilmente non andava annullato il pari di Kroldrup fermato per un fuorigioco decisamente dubbio. I gigliati escono così sconfitti dalla trasferta di Lecce: decide Di Michele, arrivato in Salento nell’ultimo calciomercato.
Stasera, a conclusione della seconda giornata della Serie A, grandi emozioni si annunciano al San Paolo, con l’avvincente “derby del Sud“, tra Napoli e Bari. Per i pugliesi l’occasione di salire in cima e raggiungere il Chievo a 6

Speak Your Mind

*