Serie A, Anticipi: Lazio a Firenze con Rocchi. Mago Ibra guida il Milan contro il Catania

La terza giornata del campionato di calcio di Serie A prende il via, alle 18, con l’anticipo tra Fiorentina e Lazio.
Viola ancora a caccia del primo successo stagionale, e reduci dal sorprendente ko di Lecce, Lazio invece in discreta forma e trascinata al successo contro il Bologna da capitan Rocchi, che guiderà ancora l’attacco biancoceleste in terra toscana al posto dell’argentino Zarate, destinato invece ancora una volta alla panchina. Sfida nella sfida tra il tecnico più giovane della Serie A, il viola Mihajlovic (41 anni) e quello più anziano, il biancoceleste Reja (65).
Buone notizie, per il tecnico serbo, arrivano dall’infermeria. Infatti, tornano nuovamente disponibili Gamberini e Vargas. Il primo si piazzerà al centro della difesa a far coppia con il danese Kroldrup, mentre il peruviano giocherà da esterno di sinistra, e cercherà con i suoi cross di rifornire la punta centrale che sarà, come sempre, Alberto Gilardino. L’unico dubbio, in casa viola, riguarda la parte destra dello schieramento: Marchionni o Cerci? Mihajlovic deciderà all’ultimo.
Nella Lazio, invece, cambio di modulo. Reja passa al 4-3-2-1, con Rocchi terminale offensivo, supportato alle sue spalle dal brasiliano Hernanes (in goal per la prima volta con la maglia biancoceleste nel risultato di 3 a 1 rifilato al Bologna), e Mauri. A centrocampo spazio a Matuzalem e Gonzalez sulle fasce, con Ledesma nel ruolo di playmaker centrale. Zarate resta mestamente in panchina, non è sicuramente un buon inizio di stagione per il talentuoso attaccante argentino.
L’anticipo serale, invece, vede in campo il Milan, a San Siro, contro il Catania. Mago Ibra, dopo aver risolto la sfida di Champions con l’Auxerre con la doppietta che ha fissato il risultato sul 2 a 0 finale, puntaa ripetersi contro gli etnei. A lui (assente Pato per infortunio) e a Ronaldinho il compito di scardinare la difesa dei siciliani, pronti ad alzare le barricate e a ripartire con veloci contropiede. Ma la sorpresa potrebbe essere l’immortale Pippo Inzaghi
Passando proprio a parlare delle formazioni, Allegri dovrà fare a meno, come detto, di Pato, ma anche di Flamini ed Ambrosini usciti malconci dalla gara di mercoledì. Al loro posto ci saranno Boateng (confermato dopo l’ottima prestazione europea) e uno tra Robinho e Inzaghi, con quest’ultimo che, come abbiamo detto, potrebbe spuntarla sul brasiliano per la sostituzione del Papero. In difesa, torna a disposizione Thiago Silva che, per la prima volta, farà coppia al centro con Nesta, sulle fasce Bonera e Antonini; a centrocampo, infine accanto a Pirlo e Seedorf ci sarà proprio il ghanese, protagonista ai Mondiali con le “Black Stars“.
Il Catania, invece, si presenta a Milano con una formazione decisamente prudente e una sola punta di ruolo, l’argentino Maxi Lopez, ancora alla ricerca del primo goal stagionale. Capitan Mascara e Ricchiuti agiranno sulla trequarti, a sostegno dell’ex attaccante del Barcellona.

Speak Your Mind

*