Santander scatenato, il Bologna chiude col sorriso. Napoli ko al Dall’Ara

Mihajlovic aveva chiesto una vittoria, per chiudere la stagione alla grande e così è stato. Il Bologna batte 3 a 2 il Napoli, grazie ad un Santander scatenato, e chiude a 44 punti, record davvero insperato a metà stagione. Gli azzurri di Ancelotti, già secondi e qualificati alla prossima Champions, rimontano due reti ma nulla possono sul sigillo definitivo dell’attaccante paraguayano.

Due schiaffi del Bologna nel primo tempo, furia Ancelotti

E’ stato il classico match di fine stagione, con Bologna e Napoli pronte a fronteggiarsi senza particolari dettami tattici. Si gioca per divertire il pubblico festante (per la salvezza già acquisita) del Dall’Ara e sono gli azzurri a partire meglio. Verdi, ex del match, calcia fuori di poco, poi è Insigne a mettere i brividi a Skorupski.

Finisce la fiammata napoletana e inizia a carburare il Bologna. I ragazzi di Mihajlovic aumentano i giri e vanno vicini al gol con Soriano che, sul cross di Dijks, non arriva di pochissimo all’appuntamento con il pallone. E’ il segnale di un’inversione di rotta, con i rossoblù sempre più padroni del campo.

Palacio serve Orsolini, che mette fuori di poco, non sbaglia invece Santander, sempre su assist dell’argentino. Battuto Karnezis è 1 a 0 Bologna al 43′. Il secondo schiaffo arriva proprio prima della chiusura del primo tempo, con Dzemaili che trova l’angolino per il raddoppio felsineo. Ancelotti, scuro in volto, si prepara per la strigliata nell’intervallo.

Ghoulam-Mertens, il Napoli rimonta. Acuto di Santander per la festa del Bologna

A inizio ripresa è un altro Napoli. Sassata di Milik, e palla fuori poco. Una conclusione che precede di poco la rete partenopea: Ghoulam approfitta dell’esitazione di Skorupski (che poteva uscire dai pali sul primo controllo dell’algerino) e fa 2 a 1.

Il Napoli insiste e il Bologna soffre la vivacità azzurra. Dentro Mertens e Callejon per Verdi e Younes. E al 77′ arriva il 2 a 2 della squadra di Ancelotti. Mbaye dimentica Younes il quale serve Mertens a rimorchio, conclusione secca e precisa per il pari ospite.

Gli azzurri insistono e vanno vicini ad un clamoroso sorpasso. Ma l’ultimo acuto è del Bologna: al minuto 88 Santander, il migliore della squadra di Mihajlovic, finalizza alla grande il cross confezionato dalla combinazione di Svanberg e Krejci. Il Ropero si accartoccia e riesce con una girata di testa a infilare Karnezis. Finisce in gloria per il Bologna, con Mihajlovic osannato dai tifosi i quali ne chiedono la conferma. Il serbo non commenta, cosa ne penserà Joe Saputo?

Please follow and like us:
error

Speak Your Mind

*