Roma: Mexes squalificato per 3 giornate. Inibito Pradè, multati Montali e Perrotta

L’espulsione, e soprattutto la sfuriata succesiva, sono costate caro al difensore giallorosso Philippe Mexes, fermato dal giudice sportivo per tre turni.
Il calciatore, furibondo per il provvedimento deciso dall’arbitro Russo di Nola (protagonista in negativo nella direzione di BresciaRoma) nell’occasione del rigore ingiustamente concesso (intervento pulito, sulla palla, addirittura fuori area) che ha regalato la vittoria i lombardi, ha sfogato tutta la sua rabbia, con epiteti poco “carini” nei confronti degli assisstenti dell’arbitro campano.
Questa la motivazione addotta per spiegare il cartellino rosso e la pesante squalifica: “doppia ammonizione per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; per avere inoltre, al 17′ del secondo tempo, all’atto dell’espulsione, assunto un atteggiamento aggressivo ed intimidatorio nei confronti di un Assistente e per avere, poco dopo, rivolto un epiteto insultante al Quarto Ufficiale“. Al giocator, inoltre, e’ stata comminata anche una multa di diecimila euro.
Oltre alla squalifica nei confronti del calciatore transalpino, inibizione fino al 30 settembre per il Ds giallorosso, Pradè, per “essere entrato negli spogliatoi senza autorizzazione e per avere contestato l’operato degli ufficiali di gara rivolgendo all’arbitro espressioni ingiuriose” (atteggiamento reiterato nelle interviste postgara). Anche Montali è stato diffidato e multato di 3.000 euro mentre il centrocampista Perrotta, si è beccato una multa di 5.000 euro per un pugno alla porta dello spogliatoio arbitrale.

Speak Your Mind

*