Roma in scioltezza a Verona, tris e risposta Champions alla Lazio

La Roma di Di Francesco batte 3 a 0 il Chievo, al Bentegodi, e ritrova il successo pieno, dopo la batosta di Firenze e il pari in rimonta con il Milan. El Shaarawy inaugura la festa giallorossa, proseguita poi con le firme di Dzeko e Kolarov. Tre punti, questi, che consentono ai capitolini di rispondere alla Lazio, vittoriosa contro l’Empoli, e di agganciarla al quarto posto in classifica.

18 minuti e la Roma archivia la pratica. Mirante decisivo su Djordjevic

Partenza sprint della Roma che, dopo solamente 9 minuti, trova la via del gol. Rilancio di Mirante (titolare per l’assenza dell’infortunato Olsen), colpo di testa di Nzonzi (tornato protagonista per le assenze di De Rossi e Pellegrini) a imbeccare El Shaarawy. Il Faraone brucia la retroguardia clivense e con il destro trafigge Sorrentino in uscita.

Il Chievo non reagisce e allora la Roma ne approfitta per piazzare un’altra zampata letale. Karsdorp serve in area Dzeko, fantastico poi nel controllo, la sterzata sul sinistro e il diagonale che non lascia scampo a Sorrentino per il 2 a 0 giallorosso.

La rabbia del Chievo produce due occasioni nella seconda parte del primo tempo. Ma, in entrambe le circostanze, nelle quali è stato protagonista Djordjevic, Mirante si è dimostrato insuperabile. Dapprima quando ha mandato la palla in angolo, sulla rasoiata velenosa dello slavo, poi quando invece ha parato d’istinto, con tuffo sulla sua destra. il colpo di testa del’ex laziale.

Tutto qui il Chievo di Di Carlo. Nella ripresa, invece, la Roma riprende ad assaltare il fortino, non ancora sazia, e colpisce ancora. Contropiede micidiale dei giallorossi orchestrato da El Shaarawy e trasformato nel gol del 3 a 0 da Kolarov. Con tanto di inchino rivolto ai tifosi romanisti, per far pace dopo le polemiche dei giorni scorsi.

Il Chievo “molla” la gara e la Roma imperversa, sfiorando ancora la rete. Il 4 a 0 non si materializza per colpa dei “legni” clivensi: prima è Dzeko a colpire la traversa, con una sassata delle sue, poi niente doppietta neanche per El Shaarawy che prende in pieno il palo. Finisce 3 a 0, la Roma torna a far festa, e si gode, in attesa di Milan-Cagliari, il quarto posto Champions a braccetto con la Lazio.


Speak Your Mind

*