Pari tra Roma e Milan, Zaniolo risponde a Piatek e alla contestazione

La Roma reagisce al crollo di Firenze e al gol di Piatek, con la firma di Zaniolo e un secondo tempo assolutamente positivo. Un super Donnarumma salva a più riprese il Milan che protesta per un contatto KolarovSuso e per un secondo giallo non estratto da Maresca nei confronti di Pellegrini.

Piatek cecchino, Donnarumma show

La reazione c’è stata. La batosta di Firenze non è dimenticata, ma i giallorossi hanno dimostrato, con una buona prova contro il Milan (soprattutto nella ripresa, sotto di un gol), di poter cancellare quel terribile smacco. E di poter recuperare la fiducia di una Sud in aperta contestazione con squadra e dirigenza.

Con il sottofondo di contestazione del popolo giallorosso, la Roma soffre l’inizio di gara e al 26′ va sotto. Paquetá ruba palla a Pellegrini e premia l’inserimento, letale di Piatek che, complice un Fazio in colpevole ritardo, sigla l’1 a 0 per il Milan.

La reazione è rabbiosa, ma sulla strada dei capitolini c’è un Donnarumma strepitoso. Il portiere del Milan dapprima respinge a terra un sinistro di Zaniolo, poi, come un gatto, smanaccia la palla sul colpo di testa di Schick, per frenare, infine, Dzeko, avventatosi sulla sfera nel tentativo di depositarla in fondo al sacco. Al riposo, 1 a 0 Milan

Zaniolo suona la carica, palo di Pellegrini e proteste Milan

La rabbia della Roma, per un primo tempo nel quale il risultato più giusto era sicuramente il pari, esplode dopo appena un minuto nel gol del pari. Cross teso di Karsdorp, colpo di tacco di Schick che manda in tilt Musacchio che rischia l’autogol, Donnarumma è ancora fantastico ma, sulla respinta, Zaniolo fa 1 a 1, volando sotto la curva per l’applauso.

Il Milan accusa il colpo e rischia il tracollo. Decisivo ancora Donnarumma, sul colpo di testa di Dzeko, poi Pellegrini gira, sempre con una frustata di testa, ma la palla sbatte in pieno sul palo, il 13^ in stagione. Sfortunati i giallorossi, vicini davvero al gol del sorpasso.

Proteste rossonere per un contatto KolarovSuso, con lo spagnolo che sterza in area e cade, toccato dal serbo. Maresca fa proseguire, non ravvisando gli estremi per il rigore. L’errore del direttore di gara è nel mancato secondo giallo a Pellegrini, reo di aver tirato la casacca allo spagnolo. Ci stava sicuramente l’espulsione.

Nel finale, infine, occasione per il Milan con Laxalt, Olsen dice di no. Finisce 1 a 1, il Milan mantiene il quarto posto, la Roma però resta alle calcagna.

Speak Your Mind

*