Roma-Chievo e Inter-Juventus. Le ultime sugli anticipi di Serie A

Inter-Juve a San Siro, Icardi sfida Higuain

Icardi lancia la sfida alla Juventus. Stasera il Derby d’Italia

La Roma di Di Francesco apre la 35^ giornata di Serie A alle 18 con la sfida in programma all’Olimpico contro il Chievo. In attesa del ritorno con il Liverpool i giallorossi hanno assoluto bisogno del successo per continuare la corsa Champions e mettere pressione all’Inter, attesa del derby d’Italia contro la Juventus di questa sera e alla Lazio, di scena invece domenica sul campo del Toro.

Di Francesco torna al 4-3-3

Dobbiamo trattare la partita con il Chievo in maniera importante. Non possiamo sbagliare perché restano poche partite e rimediare è sempre più difficile“, con queste parole Di Francesco prova a mettere da parte il pensiero al Liverpool e al ritorno della semifinale di Champions. C’è il Chievo di Maran da battere, una formazione ostica e impegnata nella lotta per non retrocedere con i 31 punti (insieme al Crotone), 2 soli di vantaggio sulla zona rossa a 4 giornate dalla fine.

Per questo ci sarà un turnover “moderato” con il ritorno alla difesa a 4, dopo il fallimento, in terra inglese, di quella a 3. Spazio, quindi, al 4-3-3 con Manolas e Fazio (anche se il gigante argentino potrebbe rifiatare e dare spazio a Juan Jesus) centrali, Peres (o in alternativa Silva) e Kolarov sugli esterni.

In mediana, ballottaggio in cabina di regia tra De Rossi e Gonalons con il secondo favorito. Strootman e Perotti, usciti malconci da Liverpool, osserveranno un turno di riposo. Ci sarà invece Pellegrini, insieme a Nainggolan. In attacco, infine, Schick dovrebbe partire dall’inizio, insieme a Under ed El Shaarawy (Dzeko dovrebbe riposare, in alternativa “doppio centravanti” con il turco in panca).

Nel Chievo, invece, che manca l’appuntamento con la vittoria, all’Olimpico, dal 2013 (da allora 6 vittorie giallorossi e 3 pareggi), Maran pensa ad un undici particolarmente “blindato” con il solo Inglese in avanti, supportato da Birsa. In zona mediana, invece, ballottaggio RigoniCastro con il secondo favorito, fiducia ancora a Giaccherini nel 4-4-1-1 predisposto dal mister dei clivensi.

Allegri cambia la difesa, nessun dubbio per Spalletti

Inter obbligata a far suo il Derby d’Italia per continuare la corsa Champions, Juventus che non può più fallire dopo il ko con il Napoli, che ha ridotto il vantaggio sugli azzurri ad un solo punticino a quattro giornate dalla conclusione. Queste le premesse di una grande classica del calcio italiano, che conta 169 confronti ufficiali in Serie A: in vantaggio i bianconeri con 80 vittorie, contro i 46 successi interisti e i 43 pareggi.

Nelle gare giocate a San Siro sono i nerazzurri in vantaggio: 35 le vittorie interiste contro le 22 bianconere, 22 i pareggi, anche se solo una volta nelle ultime 10 sfide l’Inter è riuscita nell’impresa di battere la Vecchia Signora. Spalletti, non ha dubbi e schiera la formazione migliore, con Candreva di nuovo protagonista sulla trequarti al posto del giovane Karamoh, e Vecino schierato nel ruolo di regista (Borja Valero torna in panchina).

Intoccabili, invece, Rafinha e Perisic, che hanno disputato un’ottima gara a Verona e che saranno protagonisti anche contro la Juventus, sulla linea dei trequartisti, insieme all’ex laziale. L’attaccante di riferimento sarà, naturalmente, Icardi, tornato al gol contro il Chievo, il suo 26° stagionale in Serie A.

Sorprese difensive in casa Juventus. Allegri si prepara a schierare Cuadrado, nel ruolo di terzino, con Howedes e Benatia in panchina. La coppia di centrali sarà invece formata da Barzagli e Rugani. Matuidi sarà regolarmente in mediana, con Mandzukic titolare (Dybala parte dalla panchina) in avanti insieme a Higuain e Douglas Costa.

Speak Your Mind

*