Risultati: Juve ancora ko. Non basta Marchisio, Zapata e Sanchez firmano il ribaltone

Ancora un ko per la Juventus che, ieri sera, nel posticipo della 22° giornata di Serie A, cade con il risultato di 1 a 2 contro la brillantissima Udinese di Guidolin, e perde sempre più terreno dalle zone nobili della classifica.
Del Piero e compagni, contestati fortemente a fine gara dal popolo bianconero, mostrano tutti i propri limiti al cospetto della scatenata banda friulana che, con un Sanchez “maravilloso”, autore del punto del definitivo ribaltone, sbanca l’Olimpico di Torino e scavalca in classifica in un sol colpo la stessa Juve e il Palermo, portandosi a quota 36, a due punti dalla coppia formata da Roma e Inter (entrambe hanno però una gara da recuperare).
Passando al calcio giocato, Juve in emergenza (mancano tanti uomini, compresi Amauri, Toni e Iaquinta in attacco) nell’atteso posticipo di Serie A. Delneri si affida a capitan Del Piero e all’ex Catania, Martinez (nonostante i problemi al tallone), coppia d’attacco di giornata. Nell’Udinese, invece, Guidolin sceglie ancora il 3-5-2, con il solito duo SanchezDi Natale a far male in avanti.
Primo tempo scialbo, le emozioni si contano sulle dita di una mano. A un colpo di testa di Sanchez hanno risposto prima Bonucci con un tiraccio senza troppe pretese e poi Del Piero con una punizione alta dal limite. Sempre Alex pericoloso, al 37′, con una conclusione insidiosa, sventata in angolo da Handanovic, uno dei portieri migliori della Serie A.
La ripresa si apre ancora nel segno del capitano bianconero. Destro a rientrare di Del Piero, palla a lato di pochissimo. Poco dopo è invece l’Udinese a sfiorare il vantaggio: al 54′ Di Natale elude la trappola del fuorigioco e con un tocco morbido supera Buffon, uscito alla disperata sui piedi del bomber campano. La palla, però, rotola a fondo campo, dopo aver solamente sfiorato il palo alla sinistra del portierone bianconero. Decisamente miglior sorte ha, invece, la strepitosa conclusione di Marchisio sei minuti più tardi. Dapprima è Del Piero a concludere, i difensori friulani respingono, la palla s’impenna e finisce proprio sui piedi dell’azzurro che, con una mezza rovesciata di rara bellezza, fa secco Handanovic.
La gioia juventina dura poco perchè al 67′ l’Udinese raggiunge il pari. Gran parata di Buffon sul destro al volo di Di Natale, ma il numero uno juventino non può nulla sulla successiva conclusione ravvicinata di Zapata che sigla così l’uno a uno. Il pari galvanizza i ragazzi di Guidolin che insistono, con azioni avvolgenti e sempre pericolose, mentre la Juve accusa il colpo e fatica a reagire. E all’85’ è Sanchez a regalare il successo ai suoi: è lui che, dopo un doppio sombrero a Felipe Melo, smista la sfera in area per  il compagno di nazionale Isla che gliela restituisce, con un rasoterra preciso. Il “Nino Maravilla” si avventa come un falco sulla stessa e con il piatto destro firma il 2 a 1 finale. Juventus sconfitta ancora una volta, in Serie A, e ora è crisi vera.

Speak Your Mind

*