Poker della Roma, Lazio ko. Esordio agrodolce per le italiane in Europa League

La Roma di Fonseca fa festa, grazie al 4 a 0 al Basaksehir nell’esordio stagionale in Europa League. Un altro blackout, invece, costa la gara alla Lazio di Inzaghi, sconfitta in rimonta dal Cluj per 2 a 1.

Autogol di Caicara a fine primo tempo. Zaniolo super nella ripresa

Dopo un primo tempo opaco, ma concluso con l’autogol di Caicara, che regala il vantaggio ai giallorossi, la Roma si scatena nella ripresa e chiude con un 4 a 0 fantastico, mettendo in cascina i primi tre punti della sua avventura europea. Ko l’Istanbul Basaksehir, franato sotto i colpi di Dzeko, Zaniolo e Kluivert.

A spianare la strada, però, è servito il maldestro autogol di Caicara. Il difensore brasiliano (ma con cittadinanza bulgara) della squadra turca interviene malamente sul cross teso di Spinazzola e batte il proprio portiere Gunok. Dopo qualche tentativo, non troppo convinto, di Zaniolo e Pastore (qualche lampo nel deserto di una prestazione non positiva), la Roma si ritrova avanti e chiude in vantaggio la prima frazione.

Nella ripresa tutt’altra storia, grazie soprattutto alla esuberanza fisica e alla qualità immensa di Zaniolo. Il talentuoso giallorosso, classe ’99, si rende protagonista di un’azione strepitosa, con dribbling e assist per Dzeko, bravo ad insaccare la palla del 2 a 0. 90^ firma in 183 partite ufficiali per il “cigno di Sarajevo”.

I turchi sbandano e cadono ancora, due volte. Dzeko restituisce il favore al compagno e con il suo invito propizia il gol di Zaniolo, letale col mancino. Poi, ci pensa Kulivert, ancora su assist dello straripante fantasista giallorosso, a chiudere i giochi. 4 a 0, la Roma è partita con il piede giusto.

Bastos illude la Lazio, Deac-Omrani per la festa romena

La trasferta romena di Europa League non regala gioie ma solo dolori, invece, alla Lazio di Inzaghi. I biancocelesti, infatti, avanti 1 a 0 grazie alla firma di Bastos, subiscono la rimonta del Cluj che dapprima impatta con Deac e poi sorpassa i capitolini grazie ad Omrani, autore del definitivo 2 a 1.

E’ stata una sconfitta-fotocopia di quella subita a Ferrara contro la Spal. Un primo tempo compassato ma che regala il vantaggio agli uomini di Inzaghi, una ripresa da cancellare. Al 25′ l’1 a 0 dei biancocelesti: l’ex Malaga, Jony, centra l’ennesimo pallone in area, Bastos si avventa da rapace d’area e con il ginocchio manda avanti la Lazio.

Poco dopo la mezzora altra chance importante per i biancocelesti. Milinkovic serve alla perfezione Lazzari che, però, non trova lo specchio da posizione favorevole. Dal possibile 2 a 0 all’1 a 1 il passo è breve: al 40′ trattenuta di Leiva su Djokovic, dal dischetto Deac fa 1 a 1, regalando il pari ai romeni al riposo.

Ripresa, come detto, da dimenticare per la Lazio. I biancocelesti perdono il filo del gioco e non lo ritrovano più, mancando soprattutto di fermare lo scatenato Omrani, inserito (mossa azzeccata) dal tecnico del Cluj ad inizio secondo tempo. L’attaccante francese colpisce prima la traversa e poi ribatte in rete di testa approfittando di una dormita di Strakosha. E’ il 2-1 che stende una Lazio incapace di reagire.

Al fischio finale è sconfitta, in Europa League, all’esordio, per una Lazio troppo brutta, nella ripresa, per essere vera. A Inzaghi il compito di invertire la rotta, a partire da Domenica, contro il Parma all’Olimpico.

Please follow and like us:
error

Speak Your Mind

*