Napoli-Psg e Inter-Barcellona, supersfide di Champions in serata

Champions: Inter-Barcellona, Spalletti vuole il successo

Spalletti lancia la sfida al Barcellona. San Siro gremito per la supersfida Champions

Due partite che possono cambiare il destino in Champions per Napoli e Inter. Gli azzurri di Ancelotti, dopo il pari beffardo (e con tanto rammarico) del Parco dei Principi, vogliono il successo pieno contro il Psg in un San Paolo pronto a trascinare i partenopei al traguardo dei tre punti. San Siro da record (quasi 6 milioni d’incasso) per la supersfida tra l’Inter di Spalletti e il Barcellona di un Messi tornato tra i convocati ma che, quasi probabilmente, partirà dalla panchina.

Ancelotti conferma Mertens in coppa con Insigne, Cavani in panchina

Punti pesanti in palio al San Paolo tra Napoli e Psg. In classifica, infatti, è solo un punto a separare le due compagini nel Gruppo C con i partenopei secondi a quota 5, 4 invece i punti totalizzati dai francesi terzi, compreso il pari ottenuto in rimonta al  Parco dei Principi. Una vittoria, quindi, potrebbe davvero regalare più di mezzo pass nella strada che porta agli ottavi di finale.

Tramutare la rabbia per quel pareggio in energia positiva utile a ottenere un risultato di prestigio, e fondamentale ai fini della classifica. Ancelotti punta su questo per scatenare il suo Napoli, in campo con il 4-4-2 e con la confermatissima coppia gol formata da Mertens, protagonista super contro l’Empoli, e Insigne.

Per quanto riguarda gli altri reparti, tornano titolari Hamsik e Callejon a centrocampo. Lo slovacco, con fascia di capitano al braccio, si riprenderà il posto in cabina di regia, insieme ad Allan, mentre lo spagnolo sarà dirottato sulla destra con Fabian Ruiz. Spazio anche a Ospina in porta, torna in panchina il nazionale greco Karnezis. 

In casa Psg tiene banco, invece, la questione Cavani. Il “Matador“, ex Napoli, si è procurato un problema alla coscia e dovrebbe partire dalla panchina. Pertanto, in attacco, nel 3-5-2, Tuchel è propenso a schierare Di Maria come mezzala, mentre Neymar sarà punta pura insieme a Mbappé. Dopo 3 turni di stop torna, protagonista, Buffon, si accomoda in panchina Areola.

Inter a caccia della vittoria, torna Nainggolan. Messi dall’inizio?

7 vittorie consecutive, solo 6 gol subiti e la miglior difesa d’Europa. Spalletti sembra avere trovato la quadra in Serie A, ma ora c’è un sogno a realizzare, quello di battere il Barcellona (come fece Mourinho nel 2010) per agganciarlo in vetta e conquistare la qualificazione agli ottavi di Champions.

Siamo fieri di giocarcela alla pari con il Barcellona, vediamo come andrà“, con queste parole Spalletti carica i suoi in vista della sfida ai blaugrana che, questa sera, si svolgerà in un San Siro gremito in ogni ordine di posto. Spazio, quindi, all’Inter migliore, con Nainggolan titolare sulla trequarti e il tandem Politano-Perisic sulle fasce. Davanti, come al solito, il bomber Mauro Icardi.

Il dubbio principale in casa del Barcellona di Valverde, invece, è la presenza o meno, dall’inizio, di Leo Messi. Tornato tra i convocati dopo aver smaltito l’infortunio all’osso radiale, rimediato il 20 Ottobre scorso, il fuoriclasse argentino ha partecipato alla rifinitura ma il suo impiego dal primo minuto è in forse.

Molto più probabile, invece che la “pulce” si accomodi in panchina per poter, poi, entrare in corso d’opera in caso di bisogno. Per il resto spazio ai soliti con i due ex Rafinha, e Coutinho, nel tridente insieme a Suarez. In mezzo al campo, invece, un terzetto composto da Arthur, Sergio Busquets e il croato Rakitic.

Speak Your Mind

*