Milan-Napoli alle 20 e 30: Gattuso sfida Ancelotti

La Serie A propone, per la 21^ giornata, una grande sfida, quella tra Milan e Napoli, in campo a San Siro alle 20 e 30 (dopo Cagliari-Sassuolo delle 15 e Samp-Udinese delle 18. Senza Higuain ma con Piatek i rossoneri cercano punti preziosi per la rincorsa europea contro il Napoli dell’ex giocatore e allenatore rossonero, Carlo Ancelotti. Nei partenopei torna protagonista Koulibaly dopo la squalifica. L’arbitro del match sarà il fischietto capitolino Doveri.

3 Vittorie nelle ultime 5 trasferte milanesi per il Napoli

Sono 141, con 54 vittorie del Milan, 45 pareggi e 42 trionfi del Napoli, i precedenti tra Milan e Napoli in Serie A.  A San Siro padroneggiano i rossoneri con 32 vittorie contro le 14 dei partenopei. In 3 delle ultime 5 trasferte milanesi, però, gli azzurri sono andati alla grande, conquistando la posta piena (un pari e una sconfitta nelle altre due gare).

Con Gattuso allenatore, poi, il Milan ha vinto solamente una delle ultime 15 sfide contro il Napoli a San Siro: dobbiamo risalire al Dicembre 2014 al successo all’inglese, deciso dalle reti di Menez e Bonaventura. E’ del 2017, invece, l’ultima affermazione campana, con Insigne e Callejon grandi protagonisti.

Gattuso lancia il Milan con il 4-3-3, Cutrone in vantaggio su Piatek

Sarà 4-3-3. Questo il modulo scelto da Gattuso per il suo Milan, pronto a contendere la vittoria al Napoli del “maestro” Ancelotti. In difesa, insieme a Musacchio e Rodriguez, tornano protagonisti Romagnoli e Calabria.

A centrocampo diga colored composta da Kessie e Bakayoko, con Paquetà mezzala, mentre in attacco c’è il ballottaggio CutronePiatek. Il giovane talento del vivaio rossonero appare in vantaggio sull’ultimo arrivato che, comunque, sarà sicuramente protagonista in questa sfida. Uno dei due formerà il tridente offensivo insieme a Suso e Calhanoglu.

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessie, Bakayoko, Paquetà; Suso, Cutrone, Calhanoglu. All. Gattuso

Koulibaly rientra nel Napoli. Torna protagonista anche Insigne

Ancelotti ritrova Hamsik (che probabilmente, però, non partirà dall’inizio), Insigne e il gigante difensivo Koulibaly. Il centrale senegalese torna a San Siro a distanza di un solo mese (26 Dicembre) dai drammatici fatti accaduti fuori lo Stadio, i buu razzisti nel match con l’Inter e il rosso con squalifica annessa.

Sperando che la sfida al razzismo sia davvero vinta, e che non ci sia più spazio per questi imbecilli, Koulibaly torna a guidare il Napoli per vincere quella sul campo. Ancelotti potrà contare su di lui e sul folletto d’attacco, Lorenzo Insigne, che andrà a far compagnia allo scatenato Milik.

Non ci saranno invece Rog, e il perno del centrocampo azzurro, Allan. Ancelotti ha deciso di non utilizzarlo visto che le sempre più intense voci di mercato (il brasiliano sembra destinato al PSG) non gli hanno permesso di allenarsi con serenità. In mediana quindi spazio a Diawara e Fabian centrali, mentre Callejon e Zielinski saranno i laterali.

NAPOLI (4-4-2): Meret; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Callejon, Diawara, Fabian, Zielinski; Insigne, Milik. All. Ancelotti


Speak Your Mind

*