Luis Enrique parte alla grande. Inghilterra battuta 2 a 1 a Wembley

Nations League: Spagna corsara in Inghilterra

Rodrigo stende l’Inghlterra, Spagna vittoriosa a Wembley

Inizio fantastico dell’era Luis Enrique sulla panchina della Spagna. Nel big match del Gruppo 3 della Serie A della Nations League, la Roja supera 2 a 1 l’Inghilterra nel tempio calcistico di Wembley e conquista i primi tre punti. Vantaggio inglese con il giovane talento dello United, Rashford, rimonta vittoriosa spagnola sancita dalle reti di Saul e Rodrigo.

Inizio da favola per l’Inghilterra, remuntada della Roja

Un’Inghilterra coraggiosa, pronta alla battaglia, ma che spesso e volentieri si è trovata in balia di una Spagna la quale, sul piano del palleggio e della personalità, ha dimostrato la propria superiorità sul campo “nemico”. Possiamo riassumere così il match di Wembley, preceduto dalla premiazione di Harry Kane, “Scarpa d’oro” ai Mondiali con le 6 reti realizzate, e seguito da un inizio da favola per l’undici dei Tre Leoni.

Dopo solamente dieci minuti, infatti, azione strepitosa e gol dei britannici. Dal salvataggio provvidenziale di Shaw si passa, in un attimo, alla ripartenza fulminea dell’Inghilterra, rifinita dallo stesso Shaw per Rashford, implacabile in area davanti a De Gea.

Una gioia, quella inglese, che dura però solamente due minuti. Carvajal salta a show e lancia la Spagna verso il gol del pareggio. Decisivo il cross, arretrato, di Rodrigo per l’accorrente Saul che con il destro non lascia scampo a Pickford.

Sull’asse “spurs” Dele Alli-Kane l’Inghilterra torna a farsi minacciosa, ma a respingere l’iniziativa inglese ci pensa De Gea con interventi efficaci. Al 32′ invece, si fa vedere nuovamente la Spagna e questa volta non c’è scampo per Pickford: grande protagonista Rodrigo che, dopo aver regalato a Saul l’assist del pari, firma il gol vittoria, sugli sviluppi della punizione calciata da Thiago.

Nel finale di frazione gli inglesi vanno vicini al pari. Ancora Rashford, il migliore di suoi nella prima parte di match, colpisce di testa, ma trova la respinta fantastica di De Gea. La Spagna si salva e va all’intervallo in vantaggio.

Paura per Shaw, Rashford fallisce la chance del pari

Si riparte e il pubblico di Wembley viene gelato dal brutto infortunio occorso a Shaw. Il difensore dello United è costretto ad uscire in barella immobilizzato a causa di una brutta caduta sul terreno di gioco (arriveranno poi notizie rassicuranti sullo stato di salute del calciatore inglese). La partita riprende dopo cinque minuti di interruzione, con Rose a sostituire lo sfortunato compagno di squadra.

In un clima ancora scosso dall’episodio spiacevole capitato a Shaw, l’Inghilterra prova a recuperare il parziale e la chance più ghiotta capita sempre sui piedi di Rashford. Il giovane talento di Mourinho si inventa una gran giocata per entrare da solo in area e colpire, ma con tutta la porta a disposizione, scarica il destro addosso a De Gea.

Nell’assalto finale, la nazionale di Southgate sfiora ancora il gol con Maguire (di testa), e poi lo trova con Welbeck a pochi secondi dai 9 minuti di recupero concessi dall’olandese Makelie, ma dopo aver commesso fallo su De Gea. Rete annullata, e speranze inglesi che si dissolvono al fischio finale. A far festa è la Spagna, l’era Luis Enrique inizia con un gran colpo.

Speak Your Mind

*