La Roma paga la follia di De Rossi, Napoli corsaro a Udine. Tris Juve al Crotone

Follia De Rossi, la Roma paga con il pareggioNon arriva la 13^ vittoria consecutiva in trasferta, in Serie A, per la Roma che, reduce dal ko di Madrid, viene stoppata a Marassi contro il Genoa dagli ennesimi autogol comportamenti dei suoi calciatori, nello specifico dal capitano Daniele De Rossi. Lo schiaffo in area a Lapadula costa (grazie all’uso del Var) il rosso al calciatore capitolino e il rigore dell’1 a 1 trasformato dall’ex Milan. Il Genoa agguanta così il pari, rispondendo al vantaggio giallorosso firmato da El Shaarawy.
Vince e si conferma in vetta con 38 punti (a + 2 sull’Inter, vittoriosa con il solito Icardi a Cagliari, ndr), invece, il Napoli di Sarri, corsaro a Udine grazie al rigore (contestato dai friulani) di Jorginho che si fa ipnotizzare da Scuffet ma poi insacca sulla respinta del portiere dell’Udinese. Venerdì, per gli azzurri, il big match con la Juventus allo Stadio San Paolo.
Non coglie l’occasione di agganciare i cugini la Lazio di Inzaghi, frenata dalla discutibile decisione di Massa che, al 94′, concede (intervento di Caicedo su Pezzella, sempre con l’aiuto del Var) un dubbio calcio di rigore alla Fiorentina dell’ex Pioli, trasformato poi da Babacar per l’1 a 1 finale. I biancocelesti, avanti grazie al goal di De Vrij non chiudono la gara e subiscono il beffardo pari, raggiungendo quota 29 punti in classifica.
Nuova frenata, l’ennesima, del Milan di Montella, che in casa non segna un goal dal 20 settembre e non va oltre lo 0 a 0 allo Stadio San Siro con il Toro. Kalinic spreca l’impossibile (bravo Sirigu in alcune circostanze), poi ci vuole il miglior Donnarumma per evitare la beffa. Il risultato finale non accontenta sicuramente i rossoneri, sempre più lontani dagli alti gradini della classifica di Serie A.
Chiudiamo con la Juventus che, dopo aver faticato un tempo, scardina la difesa del Crotone di Nicola e conquista la posta in palio grazie al risultato finale di 3 a 0. E’ Mandzukic, con il suo colpo di testa, sul cross di Barzagli, a rompere il ghiaccio e regalare così il goal dell’1 a 0. De Sciglio, appena entrato, firma il 2 a 0 con un tracciante meraviglioso, Benatia sigla il 3 a 0 finale, chiudendo la pratica calabrese.

Speak Your Mind

*