La Roma batte due colpi. Intesa per Milik, assalto a Kumbulla

La Roma del neo presidente Friedkin è pronta a piazzare due colpi: Milik dal Napoli e, a sorpresa, Kumbulla dal Verona. Per il primo sembra davvero vicino l’epilogo visto l’accordo tra le due Società ad una cifra vicina ai 25 milioni di euro. Per il difensore, invece, che sembrava vicino alla Lazio, potrebbe esserci davvero il colpaggio giallorosso, vista la difficoltà a riprendersi Smalling dallo United.

Milik pronto a dire di si alla Roma

Dopo un lungo corteggiamento e l’ultimatum di Gattuso, il nazionale polacco, Arkadiusz Milik, classe ’94, dopo aver sognato (vanamente) la Juve, è pronto a dire di si alla Roma.

L’entourage del calciatore spinge per l’approdo in giallorosso (pronto un contratto da 5 milioni a stagione), sembra davvero questione di ore. Anche, perchè, l’intesa con il Napoli è praticamente raggiunta: 25 milioni di euro il costo del cartellino, con la formula del prestito oneroso a 3  milioni, 15 per l’obbligo di riscatto e 7 di bonus.

Nelle prossime ore è previsto un nuovo summit tra i dirigenti di Roma e Napoli per mettere nero su bianco e dare, così, il via libera al trasferimento di Edin Dzeko nella Torino bianconera. Il centravanti bosniaco è con le valigie in mano. Accordo prossimo alla conclusione con 16 milioni che andranno nelle casse giallorosse, e biennale, per l’attaccante, da 6,8 milioni netti a stagione.

Roma all’assalto di Kumbulla

A sorpresa, la Roma passa in pole per il talentuoso 2000 del Verona, l’albanese Marash Kumbulla. Le difficoltà con il Manchester United, per riportare nella capitale Smalling (anche se il giocatore avrebbe già l’accordo con la Roma (contratto quadriennale da 3 milioni l’anno) hanno convinto i dirigenti giallorossi a trovare un’alternativa di valore.

E così è decollata, all’improvviso, la trattativa per il calciatore scaligero. Mentre sembrava ormai profilarsi una “battaglia” di mercato tra Lazio e Inter, ecco i giallorossi, pronti ad mettere sul piatto il prestito con obbligo di riscatto fissato a 30 milioni. Per lui è pronto un quadriennale da 1,5 milioni. Sarà l’offerta giusta?

Speak Your Mind

*