La Juventus sbanca San Siro. Diavolo al tappeto dopo 27 gare

Milan-Juventus ha emesso il suo verdetto: i bianconeri di Pirlo fanno loro la posta in palio, infliggono al Diavolo la prima sconfitta in campionato (rompendo un’imbattibilità che durava da 27 giornate) e si rilanciano in chiave Scudetto, in Serie A. 3 a 1 il finale per Ronaldo e compagni, trascinati da uno Chiesa superstar, autore di una doppietta, di Mckennie invece la terza firma della Signora. Calabria in gol, per i rossoneri.

Chiesa inventa, McKennie entra e chiude la sfida

E’ stato un Milan-Juventus davvero divertente ed emozionante. Ritmi alti, pressing continuo, pochi tatticismi e le occasioni in quantità industriale. A partire da quelle avute, nei primi minuti, dalla Juventus con Dybala e Frabotta, e poi dal Milan, in risposta, grazie a Leao e Castillejo.

Al 15′, poi, la Juventus vola sull’1 a 0. Chiesa, nonostante l’arcigna marcatura di Theo Hernandez, diventa il grande protagonista della gara. Dapprima coglie un palo clamoroso sugli sviluppi di corner, poi batte Donnarumma con un preciso diagonale al termine di un triangolo (di tacco) con Dybala. Bellissima azione e gol, bianconeri avanti.

Il Milan non sbanda e reagisce prontamente. Szczesny si fa trovare pronto sulle chance avute da Leao e Calhanoglu, ma poi non può nulla su Calabria. Al 41′, sull’ennesima ripartenza rossonera, Leao s’invola sulla sinistra e poi serve il terzino che, con il destro, manda la palla sotto l’incrocio dei pali. Dubbia la vigorosa spallata di Calhanoglu a Rabiot a centrocampo, ma gol convalidato. Al riposo è 1 a 1.

Galvanizzato dal pari in chiusura di frazione, il Milan riparte con grande entusiasmo, a caccia del sorpasso. Gran tiro da fuori di Dalot, Szczesny risponde da par suo. Ma a tornare avanti è ancora la Juventus. Minuto 62: Dybala serve al limite Chiesa bravo a eludere Hernandez e a infilare l’angolo più lontano. Gran gol dell’ex viola, e Juventus che vola sul 2 a 1.

Questa volta la squadra di Pioli accusa il colpo e al 76′ subisce il 3 a 1 che chiude la contesa a favore dell’undici di Pirlo. Grande azione di Kulusevski (mossa azzeccata del tecnico bianconero) che appena entrato se ne va in area sulla destra e poi serve Mckennie che spedisce in rete. La Juve fa festa e si rilancia, portandosi a -7 (con la sfida con il Napoli da disputare) facendo suo un emozionante Milan-Juventus. Per lo scudetto c’è anche lei.

Speak Your Mind

*