Inter padrona del derby. 3 a 0 al Milan, Diavolo al tappeto

L’Inter di Conte stravince il derby numero 174, con un netto 3 a 0, e vola a +4, in classifica, in Serie A, sul Milan di Pioli. Partenza a razzo dei nerazzurri, subito avanti grazie al “ToroLautaro Martinez. Handanovic si supera su Ibra e Tonali, poi ancora Lautaro fa 2 a 0. Al 66’ arriva anche il tris di Lukaku, sempre a segno contro i rossoneri, per il trionfo dell’Inter.

Inter in fuga con Lautaro-Lukaku. Decisivo Handanovic

Prova di forza dell’Inter che vince il 174° derby della Madonnina senza storie e allunga a +4, fuggendo via dal Milan. Perfetta, fin dall’inizio, la squadra di Antonio Conte, in gol dopo solamente 5 minuti: Kjaer salva sull’assist di Lukaku, poi il belga crossa per Lautaro bravo di testa a realizzare l’1-0.

Il Milan fatica a reagire, mentre l’Inter insiste, a caccia del raddoppio. Lukaku manca di un soffio l’appuntamento con la sfera sulla bellissima traccia di Perisic. Ci prova anche Lautaro, ma non inquadra lo specchio. Sull’altro fronte, però, il Diavolo va ad un passo dal pari. Theo Hernandez si fionda su una palla vagante in area e incrocia col destro, palla fuori di pochissimo.

Dopo la pausa esce un Milan trasformato. Nei primi minuti infatti va più volte a un passo dal gol. Ibra ci prova due volte di testa, ma trova sulla sua strada Handanovic che gli dice di no, poi lo sloveno si supera sul tentativo di Tonali. Grande protagonista il portiere nerazzurro.

I rossoneri sembrano poter trovare il pari, ma a colpire è ancora l’Inter. Percussione pazzesca di Hakimi in velocità, poi l’azione prosegue con Eriksen e Perisic che, sul passaggio in mezzo, trova ancora Lautaro letale nel firmare la doppietta personale e il 2-0.

Poi, l’argentino sveste i panni da goleador, per indossare quelli da assistman. Per Lukaku che però viene stoppato da un attento Donnarumma. Il numero uno di Pioli respinge con i piedi e tiene in vita i suoi. Ma per pochi istanti, perchè al 66’ il belga non perdona: corsa implacabile e sinistro letale. 3 a 0 Inter.

Al triplice fischio finale può esplodere la gioia dell’Inter di Conte. Sempre più prima, sempre più protagonista di questo campionato.

Speak Your Mind

*