Inter, missione compiuta. 2 a 0 al Chievo, nerazzurri terzi

L’Inter non sbaglia, nonostante qualche tentennamento, e con il 2 a 0 firmato PolitanoPerisic, batte il Chievo mettendo in cassaforte tre punti fondamentali. Un successo che regala, nuovamente, la terza piazza, e avvicina i nerazzurri alla Champions, distante solo tre punti a due giornate dalla conclusione del campionato. A fine primo tempo è l’ex Sassuolo a siglare il vantaggio, nel finale di gara invece, con i clivensi in 10 (espulso Rigoni), Perisic fa 2 a 0, chiudendo il match.

La difesa del Chievo regge, Inter bloccata fino al lampo di Politano

Non è stato un primo tempo facile per l’Inter di Spalletti, obbligata a vincere per non complicarsi la corsa Champions. Il Chievo, già aritmeticamente retrocesso da settimane, è venuto a giocarsi la gara a testa alta e, per quasi tutta la prima frazione, ha retto l’urto (neanche così esagerato) della squadra nerazzurra. Tanti gli angoli conquistati da Icardi e compagni, poche però le occasioni dalle parti di Semper.

Bani e compagni non concedono quasi nulla all’Inter, fino al minuto 39 però. Quando un lampo accecante per il Chievo, quello firmato Politano, regala all’undici di Spalletti il vantaggio. Il mancino di Politano bacia il palo, batte Semper e scaccia i fantasmi che aleggiavano a San Siro.

Vignato mette i brividi ad Handanovic. Rosso a Rigoni e Perisic fa 2 a 0

Il Chievo, colpito nel primo tempo nonostante 45 minuti asolutamente positivi, non demorde e parte all’attacco, nella ripresa, a caccia del pari. La formazione di Di Carlo si fa più aggressiva e spigliata e va vicina al punto dell’1 a 1 con Vignato. Il giovane 2000 mette i brividi ad Handanovic con un destro a giro fuori di poco.

Scampato il pericolo l’Inter riparte decisa, per chiudere la contesa. Gli spazi umentano e le occasioni iniziano a fioccare: Perisic colpisce il palo, poi è Semper decisivo in un paio di circostanze. L’iniziativa dei nerazzurri è continua, ma la difesa veronese regge botta con grande concentrazione.

Ad aiutare i nerazzurri ci pensa però proprio un calciatore di Di Carlo, ovvero Rigoni, che al minuto 76 si fa espellere per doppia ammonizione. E’ il momento di chiuderla e l’Inter ci riesce, con il croato Perisic che riprende la palla, respinta dal palo sul tentativo di Cedric, e la infila in rete con il mancino.

Speak Your Mind

*