In serata Napoli-Novara, azzurri chiamati al successo. Catania-Atalanta nel ricordo di Morosini

Obiettivo 3 punti per il Napoli di Mazzarri, reduce da tre sconfitte consecutive (ultima pesante contro l’Atalanta per 1 a 3) e obbligato a vincere per non perdere ulteriore terreno nei confronti delle avversarie per la lotta al terzo posto Champions (già è sicuro dell’Europa league in quanto finalista della Coppa Italia). Avversario di turno, questa sera al San Paolo, il Novara di Tesser, penultimo con 25 punti e ormai con un piede e mezzo in Serie B, anche se la matematica concede ancora flebili speranze al team del Piola.
Il tecnico Mazzarri dovrà fare a meno di uomini importanti come Lavezzi, infortunato, e Pandev, squalificato, ma potrà contare sul ritorno di Maggio dall’inizio e sul possente difensore argentino Campagnaro, che è ritornato in buona condizione e sarà al suo posto al centro della difesa. In attacco, a supporto del Matador Cavani ci saranno Hamsik e il colombiano Zuniga. In casa del Novara, invece, tante le assenze, a partire da quella fondamentale di Rigoni, perno del centrocampo e molto importante per i suoi inserimenti offensivi. Speranze riposte, perciò, nell’airone Caracciolo e nell’ex del match, Giuseppe Mascara.
Sempre questa sera, in Serie A, sfida tra rivelazioni di questo campionato. Il Catania di Montella, protagonista di un torneo sopra le righe e ormai salvo con i suoi 43 punti (ottavo posto attuale), ma reduce da due sconfitte (che hanno interrotto la stupenda striscia positiva composta da ben otto risultati, ndr) affronta un’altra delle protagoniste positive di questo torneo, l’Atalanta di Colantuono, quasi certa della salvezza con i 40 punti attuali (ricordiamo l’iniziale penalizzazione di 6 punti, ndr).
Voglia di riscatto per gli etnei che dovranno fare a meno di Carrizo e Almiron, sostituiti da Kosicky e Biagianti, mentre nei nerazzurri, che ricorderanno il bergamasco Piermario Morosini, giocatore del Livorno scomparso tragicamente una settimana fa a Pescara durante la sfida di Serie B, c’è desiderio di blindare la salvezza, ma mancherà un pezzo da novanta come Denis. Spazio al giovane Gabbiadini, con Moralez a sostegno.

Speak Your Mind

*