Il Chelsea espugna l'Old Trafford e vola in testa. Senza Rooney è poco Manchester

La supersfida dell’Old Trafford si colora di “Blues“. E’ il Chelsea di Ancelotti a spuntarla, per due a uno, contro il Manchester United, e a guadagnare un successo fondamentale in chiave scudetto. Con questi tre punti, infatti, i londinesi volano in testa, da soli al comando della Premier League.

Non è stato sicuramente il Manchester di sempre, soprattutto per l’assenza di Rooney, infortunatosi nella gara di Champions dell’Emirates e costretto a rimanere fuori per circa un mese. Drogba e compagni sono partiti subito alla grande e hanno trovato, dopo 20 primi di gara, il vantaggio grazie a uno straordinario gol di tacco di Joe Cole.

Blues scatenati e United in crisi. Tanto che, al 79′ arriva il raddoppio, siglato dall’ivoriano Drogba, con un destro potentissimo (ma in sospetta posizione di offside). E’ a questo punto (troppo tardi) che i rossi di Ferguson si svegliano e partono all’attacco, decisi a rimontare il doppio svantaggio.

Tre minuti dopo il due a zero del Chelsea, Macheda sfrutta un rimpallo su un cross dalla sinistra per piazzare il colpo dell’uno a due. E’ forcing, ma il Chelsea resiste e porta a casa una vittoria pazzesca. Ora i londinesi sono a quota 74 (contro i 72 del Manchester United) quando alla fine della Premier League mancano cinque giornate di campionato. Ancora tante emozioni ci aspettano, ma questo di oggi è stato davvero un gran colpo per Ancelotti.


(highlights)

Speak Your Mind

*