Guardiola: “Barça addio, 4 anni fantastici”. Rosell ufficializza l’erede, sarà Tito Villanova

L'addio di Guardiola al BarcellonaAdesso è ufficiale. Il 41enne allenatore spagnolo Josep Guardiola ha annunciato, pochi minuti fa, in una sala stampa gremita di giornalisti (presenti anche alcuni giocatori blaugrana), accanto al Ds Zubizarreta e al presidente Rosell, il suo addio al Barcellona a fine stagione dopo 4 anni di successi e 13 titoli conquistati.
Ormai la decisione era nell’aria, pochi istanti fa è diventata certezza: “Sono stanco, lascio dopo 4 anni fantastici, nei quali ci siamo tolti grandissime soddisfazioni. Chi occuperà il mio posto – ha dichiarato Guardiola – darà cose che io non potrei più dare. Rigrazio pubblicamente i giocatori, abbiamo goduto di questo lavoro con la massima passione“.
E ad annunciare il nome del suo erede è il presidente del Barcellona, Sandro Rosell, seduto a fianco di Guardiola e di Zubizarreta, Ds del titolato club catalano: “Ringrazio Josep per i grandi trionfi che ci ha regalato. Sarà Tito Villanova (vice di Guardiola in queste stagioni, ndr) a prendere le redini della squadra. Abbiamo optato per la continuità. Villanova farà bene e tra poche settimane, alla conclusione della stagione, ci esporrà il suo progetto“.
La scelta, fatta dal club, di affidare la squadra a Tito Villanova (all’anagrafe Francesc Vilanova Bayó, classe 1969, cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Barcellona e vice di Guardiola dal 2008, ndr) viene spiegata da Zubizarreta: “Villanova rappresenta il Barca. Dopo una lunga riflessione dell’area tecnica, a stretto contatto con la squadra abbiamo deciso di puntare su di lui“.
Scelta che approva anche Guardiola, il quale poerò nicchia sul futuro: “Faccio i miei migliori auguri ai ragazzi e al nuovo allenatore per un futuro pieno di successi. Sono convinto che Tito farà bene, ha tutta la mia stima. Ora voglio solamente pensare a chiudere bene la stagione, poi mi riposerò e ricaricherò le batterie. Il mio futuro? Non interessa quello che farò, non è importante“. Quello che è importante è che un’era si chiude, ufficialmente, oggi: l’era di Guardiola al Barcellona.

Speak Your Mind

*