Grosso esordisce contro il Toro. Inter alle 18, serata con il Napoli

Dopo aver assistito alla vittoria del Sassuolo per 3 a 1 sul Bologna, la Serie A prosegue con BresciaTorino, sfida in programma oggi alle 15. Prima gara, sulla panchina delle Rondinelle, per Fabio Grosso, dopo l’esonero di Corini. Alle 18, poi, tocca all’Inter, a San Siro contro l’Hellas, dopo il ko di Dortmund e le polemiche di Conte nel post-gara. Chiusura con Napoli-Genoa, sfida delicata con la crisi De Laurentiis-Ancelotti in corso…

Balotelli sfida Belotti, prima volta per Grosso con le Rondinelle

Tocca a Fabio Grosso vincere la sfida salvezza con il Brescia, ultimo in graduatoria, in Serie A, a 7 punti, insieme alla Spal. Dopo l’esonero di Corini, deciso dal patron del Brescia, Cellino, è l’ex campione del mondo a guidare le “Rondinelle” in questa difficile missione. A partire dalla sfida delle 15, contro il Toro di Mazzarri, 14^ in classifica e a caccia di un successo che manca dal 26 Settembre scorso.

Cambio di moduli e di interpreti per Grosso. Probabile il ricorso al 4-3-3 con Balotelli sicuro del posto. Ai suoi lati potrebbero agire Spalek e Donnarumma, con quest’ultimo però insidiato da Ayé. In difesa, invece, Gastaldello potrebbe trovare spazio, anche se Magnani resta il favorito. Fuori per squalifica Matri, infortunati invece Dessena e Chancellor.

Mazzarri, invece, ritrova Nkoulou dopo la squalifica. Rientro importante, in una difesa nella quale potrebbe tornare titolare De Silvestri (con Aina in panchina). I problemi alla caviglia di Baselli regalano ancora spazio, in mediana a Meité, mentre in attacco Belotti sarà affiancato ancora una volta da Verdi.

Problemi per Conte, fuori ancora Sensi. Juric con il dubbio Salcedo-Stepinski

Dopo il ko con il Dortmund in rimonta (con i nerazzurri avanti 2 a 0) e gli “attacchi mediatici” alla Società da parte di Conte, l’Inter cerca di riprendere il cammino in Serie A. Avversaria, a San Siro, l’Hellas di Juric, reduce dalla vittoria contro il Brescia e nona in graduatoria con 15 punti.

Qualche problema per Antonio Conte, in vista della gara di questo pomeriggio, alle 18. Infatti, oltre ad Asamoah e Gagliardini, mancheranno anche Sensi e Politano (sofferente alla caviglia sinistra), tutti infortunati. Spazio, quindi, a Vecino con Brozovic e Barella in mediana, mentre in avanti solito tandem LukakuLautaro.

Juric, anche, non potrà contare su uno dei più positivi, in quest’inizio di campionato. Parliamo di Kumbulla, squalificato, e sostituito probabilmente da Dawidowicz, che andrà così a completare il terzetto difensivo con Rrahmani e Gunter. Fuori anche Veloso, per infortunio, ci sarà Pessina in mediana insieme a Faraoni e Lazovic. Chiudiamo con l’attacco dove Salcedo sembra poterla spuntare su Stepinski (a sostegno Verre e Zaccagni).

Ancelotti senza Manolas e Allan, in attacco ballottaggio Lozano-Mertens

Tante polemiche, ore surreali, e un rapporto De Laurentiis-Ancelotti che scricchiola sempre di più. Il Napoli, però, vuole cancellare tutto questo con una bella vittoria, al San Paolo, contro il Genoa di Thiago Motta. Non mancheranno però le assenze in casa degli azzurri. A partire da Manolas, out in difesa e sosituito da Maksmovic.

Oltre al greco sicuri assenti anche Ghoulam e Allan. In mediana, quindi, Zielinski dovrebbe partire dall’inizio (anche se Elmas si candida per un posto da titolare) insieme a Fabian Ruiz (sulle corsie Callejon ed Insigne). In attacco ballottaggio LozanoMertens, con il primo che scalpita per giocare dal primo minuto accanto a Milik.

In casa Genoa, invece, Thiago Motta spera nel recupero di Romero, al centro della difesa con Zapata. A centrocampo rientra dalla squalifica Cassata al fianco di Schone mentre in attacco, senza Kouamé (convocato per la Coppa d’Africa con l’Under 23 della Costa d’Avorio) ad innescare Pinamonti ci saranno Gumus, Agudelo e Pandev.

Please follow and like us:
error0

Speak Your Mind

*