Gli Stadi di Russia 2018. 11 Città protagoniste, 12 miliardi d’investimento

Il Luzniki di Mosca, stadio della finalissima del Mondiale 2018

Il Luzniki Stadium di Mosca sarà lo Stadio della Finale Mondiale del 15 Luglio

Abbiamo parlato del Calendario Gare, degli Orari e della Copertura Televisiva dei match in programma, ora però spazio agli Stadi e alle cittò che saranno protagoniste in Russia. Undici quelle coinvolte: Ekaterinburg, Kaliningrad, Kazan, Nizhny Novgorod, Rostov sul Don, Samara, San Pietroburgo, Saransk, Sochi, Volgograd e ovviamente la capitale, Mosca, che ospiterà, tra l’altro, la finalissima in programma il 15 Luglio.

12 Stadi protagonisti, al Luzniki la finalissima

12 miliardi di dollari di investimento, metà dei quali arrivati da privati. Questa la cifra totale impiegata nella costruzione, ristrutturazione e nell’ammodernamento degli Stadi che faranno da teatro a questo prestigioso avvenimento e che saranno dodici (2 a Mosca, ndr).

La finalissima del 15 Luglio avrà naturalmente luogo nella capitale e lo Stadio protagonista sarà il Luzniki Stadium, impianto sportivo dello Spartak Mosca, vero e proprio Stadio Nazionale Russo, costruito nel 1956 (da quell’anno oltre 3000 partite hanno avuto luogo in questo impianto, ndr) e ristrutturato più volte fino ai lavori iniziati nel 2014, in ottica Mondiale, e terminati nel 2017.

Pochi mesi fa si è completata questa ristrutturazione radicale che ha portato alla demolizione totale degli spalti, pur mantenendo integro l’involucro esterno con la copertura (per consentire la migliore fruizione della gara), eliminando la pista di atletica e portando la capienza a 82 540 posti a sedere.

San Pietroburgo, invece, nella splendida e raffinata città russa (seconda solo a Mosca per dimensioni e popolazione, ndr) e in un impianto ultramoderno (da 56mila posti, progettato dall’architetto giapponese Kisho Kurokawa, uno dei più avanzati d’Europa dal punto di vista tecnologico, con tetto scorrevole e un campo estraibile dedicato all’organizzazione di eventi culturali di massa, ndr) il giorno precedente, andrà in scena la finale per il 3° posto, che anticiperà l’atto più prestigioso e importante di questo Mondiale.

Uno sguardo agli altri Stadi: il Fisht a forma di guscio e la spaziale Samara Arena

Per quanto riguarda le altre città e stadi annessi, che saranno protagonisti al Mondiale, ci sofferemo su alcuni di questi, in particolare sul curioso “Fisht Stadium” di Sochi, città diventata famosa per i Giochi Olimpici del 2014 e perchè sede del Gran Premio di Formula Uno dallo stesso anno.

Lo Stadio, che si erge in questa città a pochi passi dal circuito automobilistico, e che è nato proprio in concomitanza con i Giochi Invernali, ha una particolare curiosità. La sua forma, infatti, a guscio (per ricordare le glorie dell’arte Fabergé, ndr) permette agli spettatori di osservare sia il Caucaso a nord che il Mar Nero a sud.

Inoltre, lo stesso impianto ha pareti e tetto costituiti da una superficie di vetro continuato al fine di riflettere la luce solare dal mare durante il giorno. Finito il Mondiale, questo stadio diventerà (per l’assenza di una squadra locale) centro di allenamento e di amichevoli.

Altro curioso Stadio russo è quello di Samara, sesta città russa per dimensioni. La Samara Arena, infatti, ribattezzata “Sferoid” per la forma della sua calotta (il progetto, elaborato dalla tedesca GMP-Architekten, è stato poi affidato, per la realizzazione, alla compagnia russa Strojtransgaz, ndr), sarà un omaggio alla rinomata industria aerospaziale cittadina (tra i monumenti iconici di Samara c’è il monumento alto 68 metri raffigurante la navicella Soyuz, costruito per commemorare il volo spaziale di Yury Gagarin).

Chiudiamo con un vero e proprio gioiello che abbellirà Kazan, capitale della Repubblica del Tatarstan, città con oltre mille anni di storia e tra le più antiche della Russia. La Kazan Arena (stadio nella quale gioca il Rubin, campione nazionale nel 2008 e nel 2009), ridisegnata dallo studio di architetti della Wembley Arena e dell’Emirates Stadium, nel 2015 è stata teatro delle gare di nuoto (anche sincronizzato) ai Mondiali di nuoto.

E’ un vero e proprio gioiello, tra i più moderni nel design nell’intera Russia. Impianto polifunzionale Costato 440 milioni di dollari presenta il più grande maxischermo sportivo del mondo su un lato dello stadio (4030 metri quadri).

 

 

Speak Your Mind

*