Europei 2012, Qualificazioni: Programma gare. Impegno facile per la Spagna, Capello contro la Bulgaria

Tante le gare in programma quest’oggi e valevoli per le qualificazioni agli Europei del 2012. C’è chi vuole confermarsi dopo il brillante mondiale disputato in Sudafrica, chi invece vuole riscattarsi, come l’Italia di Prandelli, impegnata questa sera a Tallinn contro l’Estonia.
Tra le squadre che vogliono, invece, dimostrare di aver imboccato la strada giusta, c’è la Germania di Loew che, questa sera, contro l’insidioso Belgio, nel Girone A, riabbraccia il suo capitano, Michael Ballack, assente per infortunio nell’avventura, comunque, positiva, della giovane multietnica formazione teutonica in Sudafrica. Nell’altra sfida, invece, esame di kazako per la Turchia di Guus Hiddink che, dopo aver chiuso la parentesi alla guida della Russia, tenta l’avventura con la nazionale del Bosforo.
Altra grande nazionale che vuole confermarsi, dopo aver addirittura vinto (per la prima volta) i Mondiali, è la Spagna di Del Bosque, campione d’Europa in carica, e attesa nel raggruppamento E in un match all’apparenza dall’esito scontato. Villa e compagni scenderanno infatti in campo a Vaduz, contro il modesto Liechtenstein. L’altra finalista in Sudafrica, l’Olanda affronta sul sintetico di Serravalle il San Marino. Non preoccupa l’avversario, quanto l’assenza di Robben, fuoriclasse del Bayern e grande protagonista con gli orange ai Mondiali. Ci sarà, però un grande ritorno, Ruud Van Nistelrooy, bomber di grande esperienza, da pochi mesi all’Amburgo dopo quattro stagioni passate in Spagna nelle file del Real Madrid.
Inizio soft anche per il Portogallo che non avrà in panchina il ct Queiroz, squalificato per 6 mesi per gli insulti ai medici dell’antidoping ai Mondiali. Senza tecnico, ma soprattutto senza la stella della squadra, Cristiano Ronaldo, i lusitani partono, almeno, da un match relativamente facile. Di fronte c’è Cipro, ostacolo sicuramente abbordabile per la talentuosa compagine iberica. Nell’altra sfida del Gruppo H, interessante duello nordico tra l’Islanda e la Norvegia che, tuttavia, dovrà fare a meno dell’ex giallorosso Carew.
Chiudiamo con due battute sulle grandi deluse Francia e Inghilterra. I galletti di Blanc, nuovi di zecca, ripartono da tre nomi nuovi, precedentemente accantonati dal disastroso Domenech: Mexes, Menez e Benzema. Tre stelle per far tornare a brillare la nazionale transalpina, travolta da delusioni e scandali mondiali. Di fronte, però, una Bielorussia ostica, anche se i veri pericoli del girone provengono dall’Est, dalla Bosnia di Dzeko e dalla Romania.
At the end“, Don Fabio Capello che ricomincia da Wembley, contro la Bulgaria di Berbatov, sperando di “creare quel gruppo vincente” (secondo le parole del friulano) e soprattutto di guadagnare più applausi e meno fischi di quelli rimediati dopo il flop dei Mondiali. Ma i tifosi non ammettono più sbagli.

Girone A
Kazakistan-Turchia
Belgio-Germania
Riposano: Austria e Azerbaijan

Girone B
Armenia-Eire
Andorra-Russia
Slovacchia-Macedonia

Girone D
Romania-Albania
Lussemburgo-Bosnia Erzegovina
Francia-Bielorussia

Girone E
Moldova-Finlandia
Svezia-Ungheria
San Marino-Olanda

Girone F
Israele-Malta 3-1: 7’pt, 19’st su rig. e 30’st Benayoun (I), 38’pt Pace (M)
Lettonia-Croazia
Grecia-Georgia

Girone G
Montenegro-Galles
Inghilterra-Bulgaria
Riposa: Svizzera

Girone H
Islanda-Norvegia
Portogallo-Cipro
Riposa: Danimarca

Girone E
Liechtenstein-Spagna
Lituania-Scozia
Riposa: Repubblica Ceca

Speak Your Mind

*