Europa League: Risultati Quarti Andata. Cardozo manda ko il Liverpool, Villa acciuffa l'Atletico

Dopo aver vissuto le emozioni della Champions, ieri sono andate in scena le gare di andata dei quarti di finale dell’Europa League. Il Liverpool di Benitez cade al Da Luz contro il Benfica, vittorioso per due a uno grazie alla doppietta dal dischetto di Oscar Cardozo (al 59′ per un fallo di Insua su Aimar e al 78′ per un tocco di mano in area di Carragher). In entrambi i casi, l’attaccante portoghese si dimostra freddissimo e regala ai suoi il successo, in rimonta, visto che i rossi di Benitez erano passati in vantaggio grazie alla splendida firma di Agger. Finisce due a uno per il Benfica, ad Anfield si attende il pronto riscatto dei Reds.

Cade il Liverpool, dunque, in terra portoghese, si salva il Valencia, contro l’Atletico Madrid, nel finale di un derby infuocato. Sono proprio i bianchi del Mestalla ad accelerare e a sfiorare il gol a più riprese. Palo di Simao, Mata e Silva sprecano, allora Forlan li punisce, regalando il vantaggio ai colchoneros al 59′. Il Valencia reagisce e, sette minuti dopo, trova il pari con il missile di Manu Fernandes. E’ un batti e ribatti continuo, emozioni a non finire e nuovo vantaggio dell’Atletico Madrid con Antonio Lopez. Ma il Valencia non demorde. Il finale è tutto dei ragazzi di Emery. E “El GuajeVilla colpisce, siglando il due a due su assist di Vicente. In casa di Aguero e compagni sarà un’altra battaglia.

Gli altri due quarti regalano lo stesso risultato. Successo, e sempre per 2 a 1. Al Craven Cottage il Fulham di Hodgson viene trascinato alla vittoria da un gran sinistro dal limite di Bobby Zamora che poi sveste i panni da cecchino per indossare quelli di assistman e regalare la palla del due a zero a Duff. I tedeschi del Wolfsburg, però, non si arrendono e nei minuti finali, grazie a Madlung, si rimettono in corsa per la qualificazione.

In casa dell’Amburgo, invece, sono i belgi dello Standard Liegi a passare per primi. Al 31’ Mbokani sigla, di testa, l’uno a zero corsaro. I Labbadia boys però non ci stanno e, dopo aver colpito un palo clamoroso con Van Nistelrooy ristabiliscono la parità su rigore. La firma è di Mladen Petric. L’Amburgo si scatena e, prima del riposo trova anche il sorpasso, grazie alla zampata felina del solito Van Nistelrooy. Nella ripresa lo Standard pareggia il conto dei legni: traversa clamorosa di Mbokani, autore del vantaggio iniziale. Ma il punteggio rimane sul 2-1: tutto apertissimo in vista della sfida di ritorno.

Speak Your Mind

*