Euro 2012, Qualificazioni: Italia-Far Oer 5-0. Tutto facile, Cassano segna e incanta

Dopo aver superato l’Estonia con grande (troppa) sofferenza, l’Italia concede il bis, in scioltezza e di goleada, contro la fin troppo “leggera” rappresentativa delle Far Oer, strapazzata con un pokerissimo di reti nel secondo match di qualificazione ad Euro 2012.
Una vittoria schiacciante, sulla carta prevedibile, ma che lascia intravedere, nonostante la differenza tecnica tra gli azzurri e le Far Oer, uno spirito diverso e un abbozzo (finalmente) di bel gioco. Cassano si conferma sempre più l’anima di questa nuova Italia e vero mattatore della serata, fin dai primi minuti della partita. Ottima la prova anche di Pirlo, tornato faro del centrocampo, Gila sfrutta la chance concessagli da Prandelli e torna al goal dopo undici mesi proprio tra le mura amiche del Franchi.
I ragazzi di Kerr (4 professionisti solamente nel gruppo composto quasi esclusivamente da dilettanti) ci provano, con ammirevole impegno e grande determinazione, ma l’estremo difensore del Bologna Viviano, toscano doc e lanciato in porta al posto di Sirigu, non deve compiere interventi degni di nota.
Partita che già dall’inno nazionale, cantato da tutto il “Franchi” di Firenze (in onore dell’ex tecnico della Fiorentina e ora Ct Prandelli), fa capire che sarà un bel match, soprattutto rende l’idea di come questa nuova nazionale, sconquassata dagli sbagli della precedente gestione e da un mondiale disastroso, sia già nel cuore dei tifosi.
E di tutti i giocatori (dagli esordienti De Silvestri, Antonelli e Viviano, ai più navigati Gilardino e Rossi) che, da subito, colgono l’occasione e si mostrano sfrontati, vogliosi di far parte del gruppo azzurro e di non essere le meteore di una notte. Già all’11’ arriva il vantaggio con Gilardino che di testa devia in porta un preciso angolo calciato dal rossonero Pirlo.
Felicità alle stelle per il ragazzo di Biella, in rete nel suo stadio e dopo un lungo digiuno. Cassano regala spettacolo con dribbling ubriacanti e prima lui e poi Rossi sfiorano il raddoppio. Che arriva al 22′ quando De Rossi, in uno dei suoi soliti inserimenti in area, infila Nielsen per il due a zero. Al 27′ il tabellino segna addirittura 3 a 0: Cassano corona la sua bella prestazione con una gran bordata dal limite dell’area.
La ripresa rispecchia quello che si è visto fino a quel momento, ossia un’Italia padrona del gioco, ma che a volte rallenta troppo, specchiandosi nella bellezza che la contraddistingue. Imprecisione e qualche tocchetto di troppo infastidiscono Prandelli, ma al 36′, Quagliarella, subentrato da poco, raccoglie l’ottimo suggerimento di Montolivo dalla destra e si regala la gioia personale, quarta di squadra. Allo scadere, però, tutti in piedi per il pokerissimo, d’autore, firmato dal milanista Pirlo. Solita punizione tagliata e punteggio sul 5 a 0 finale.
Dunque, fermo restando il valore non eccelso dell’avversario (sarà già più difficile in casa dell’Irlanda del Nord nel prossimo impegno), è stata un’Italia a tratti spettacolare, che ha indubbiamente trovato in Cassano la nuova stella di questa nazionale (il giocatore è molto più maturo e pronto a collaborare con i compagni) e un centrocampo di qualità e sostanza, guidato dalla classe di Pirlo.
Prandelli, da ottimo professionista ma soprattutto reinventato psicologo, sta portando entusiasmo in questa nazionale, ed anche intorno ad essa, ciò che serve per lavorare bene e crescere. La rivoluzione, attuata dal tecnico di Orzinuovi, è cominciata bene. Ma siamo all’inizio, è presto per tirare le somme. Come si dice…se son rose fioriranno…

ITALIA-FAR OER 5-0
ITALIA (4-3-2-1):
Viviano; De Silvestri, Chiellini, Bonucci, Antonelli; Montolivo, Pirlo, De Rossi (31’s.t. Palombo); Rossi (14’s.t. Quagliarella), Gilardino (14’s.t. Pazzini), Cassano. A disp.: Sirigu, Cassani, Bovo, Lazzari. All.: Prandelli.
FAR OER (4-4-1-1): Nielsen; Bo, Lukin (30’s.t. Naes), Gregersen, Davidsen, Rubeksen; Mouritsen (30’s.t. Holst), Benjaminsen, Petersen, Samuelsen; Edmundsson (44’s.t. Udsen). A disp.: Thomsen, Egil, Hansen E., Hansen A., Eliasen, Udsen. All.: Kerr.
ARBITRO: Kulbakov (Bir).
MARCATORI: 11′p.t. Gilardino, 22′p.t. De Rossi, 27′p.t. Cassano, 35′ s.t. Quagliarella, 45’s.t. Pirlo (I)

Comments

  1. Mi piacciono gli italiani dominano l'euro nel 2012, come mi piace questo tuo nuovo look.

Speak Your Mind

*