Bologna e Milan non si fanno male. 0 a 0 al Dall’Ara

Termina a reti bianche Bologna-Milan, posticipo della 16^ giornata di Serie A. Un punto per uno tra Pippo Inzaghi e Gattuso, al termine di un match equilibrato e contraddistinto da pochi sussulti. Un pari che non soddisfa i rossoneri, dopo l’eliminazione dall’Europa League, mentre i felsinei smuovono la classifica, salendo a 12 punti.

Higuain sbatte su Skorupski, Palacio mette i brividi a Donnarumma

Bologna-Milan non rimarrà certamente negli annali. Poche le emozioni e le occasioni da gol, già nella prima frazione, nella quale il Milan ha sbattuto contro il muro eretto da un Pippo Inzaghi a rischio esonero. Calhanoglu e Higuain ci provano, conil Pipita sicuramente più pericoloso del turco, ma respinto due volte da Skorupski.

Il Bologna, invece, si fa vedere solamente nella parte finale del primo tempo. Palacio sente aria di derby, per i suoi trascorsi in nerazzurro, e prova a far male a Donnarumma, attento però sulla conclusione dell’argentino. Sulla respinta Santander cerca il tap-in vincente ma viene stoppato dall’arbitro per offside. All’intervallo, quindi, è 0 a 0.

Rosso a Bakayoko, Orsolini sfiora il gol vittoria

Nella ripresa sia Pippo Inzaghi che Gattuso sono costretti a modificare l’assetto tattico. Svanberg è costretto al cambio (spazio a Dzemaili) per fastidi muscolari mentre Cutrone, a causa di qualche noia al ginocchio, lascia il campo allo spagnolo Castillejo.

Ma la musica non cambia. Le due squadre si annullano e le emozioni latitano. Il Bologna è asserragliato negli ultimi trenta metri e praticamente concede poco o nulla ai rossoneri. Higuain scompare dal match, il neoentrato non riesce a incidere.

La situazione sembra mutare, improvvisamente, nell’ultima parte del match, quando Bakayoko rimedia il secondo giallo e la doccia anticipata. Gattuso corre ai ripari e inserisce José Mauri per Calhanoglu, mentre Inzaghi carica i suoi per il forcing finale.

Le chance arrivano proprio pochi istanti prima della fine della sfida. Orsolini, direttamente su punizione, da posizione decentrata, impegna Donnarumma che si salva con un pò di fortuna. Poi Destro a tempo quasi scaduto non inquadra lo specchio di testa. Troppo poco per vincere, troppo poco il Milan, uno 0 a 0 scritto.





Speak Your Mind

*