Biraghi stende la Polonia al 92′. Italia salva in extremis

Biraghi salva l'Italia, Polonia ko

Vittoria fondamentale per l’Italia che, nella sfida di Nations League, batte la Polonia 1 a 0 al 92′

Esplode al 92′ la gioia azzurra. L’Italia si salva, spedisce nella Lega B di Nations League la Polonia e, con la vittoria ottenuta all’ultimo respiro, è pronta a giocarsi la chance di essere protagonista alle Final Four nell’ultima sfida, contro il Portogallo, in programma il 17 Novembre.

Monologo azzurro nel primo tempo. Traverse per Jorginho e Insigne

Primo tempo fantastico quello dell’Italia, schierata da Mancini con l’undici anti-Ucraina. Chiesa, Bernardeschi e Insigne creano scompiglio nella retroguardia polacca, con lo juventino che agisce da falso nueve. Però, per imprecisione, sfortuna (due traverse), ma anche per le parate di Szczesny, non arriva il sospirato e meritato gol.

Dopo pochi istanti dall’inizio del match, è Jorginho ad andare vicinissimo al punto dell’1 a 0. Conclusione meravigliosa, ma palla che sbatte sulla traversa a Szczesny battuto. Poi, dopo la sfuriata di Chiesa sulla destra, Bernardeschi ha sul mancino la palla del vantaggio ma spedisce fuori.

Su azione ancora del gigliato, arriva la seconda traversa colpita dagli azzurri. E’ Insigne, questa volta, ad avventarsi sulla sfera, ma a sbattere ancora una volta sulla trasversale della porta difesa dallo juventino. Il portiere polacco sale poi in cattedra, respingendo il diagonale di Jorginho e la conclusione, da distanza ravvicinata, di Florenzi.

La Polonia, scampati i pericoli con grande affanno, si fa vedere solo nel finale. Milik si gira bene e conclude, una deviazione difensiva salva gli azzurri dalla capitolazione, che sarebbe stata davvero beffarda. Al riposo, quindi, è 0 a 0, risultato che va strettissimo all’Italia.

Paratona di Donnarumma, gioia azzurra al 92′ con Biraghi

Inizio di ripresa più spigliato da parte della Polonia. Anche grazie ai cambi di Brzęczek che toglie Zymanski e Linetty, regalando spazio a Grosicki e Blaszczykowski, per una squadra che dal “rombo” passa al 4-4-2. La chance arriva poco prima del 15′ con Grosicki che colpisce da non più di cinque metri, trovando la respinta miracolosa di Donnarumma.

L’Italia, però, c’è e riparte subito, all’attacco. Biraghi non inquadra lo specchio, poi la cavalcata di Chiesa viene conclusa con un destro a girare che non fa male alla Polonia. Al 26′, infine, Chiesa serve Bernardeschi che, di testa, si divora la chance dell’1 a 0.

Il forcing degli azzurri prosegue, senza sosta. Ancora Bernardeschi alla conclusione dal limite: di poco alto. A dieci minuti dalla fine la mossa chiave di Mancini, che lancia Lasagna al posto di Bernardeschi.  E al 92’ arriva il gol salvezza: angolo da destra, testa in tuffo di Lasagna e volée sotto misura di Biraghi. Vittoria strameritata, e l’Italia rivede la luce, con ancora possibilità di contendere il primo posto al Portogallo.

 

Speak Your Mind

*