Anticipi: Milan schiacciasassi, Cassano protagonista. Cavani affonda la Roma all’Olimpico

Botta e risposta Milan-Napoli negli anticipi della 25° giornata del campionato di Serie A. I rossoneri liquidano facilmente la pratica Parma con un poker firmato Seedorf, Cassano e doppio Robinho (entrato nella seconda parte di match). Un risultato che conferma la leadership meritata dell’undici di Allegri, primo con 52 punti. Protagonista assoluto della contesa il fuoriclasse barese, Antonio Cassano, che incanta la platea di San Siro con giocate pazzesche, assist al bacio e un gol, il primo con il Diavolo, che solo fenomeni come lui riescono a rendere semplice da realizzare (piatto al volo sul passaggio splendido di Gattuso).
Il Parma si scioglie come neve al sole, di fronte allo strapotere tecnico e fisico della squadra di Allegri. Marino le prova tutte, ma non c’è nulla da fare. Ogni azione (o tentativo) s’infrange contro la ferrea difesa rossonera, blindata meravigliosamente dalla coppia di centrali Thiago Silva-Nesta, con il romano rientrato contro i gialloblu dopo un periodo di stop per infortunio e autore di una prestazione sontuosa, da “Serie A“.
Un Milan che torna stellare proprio quando serve, con gli ottavi di Champions League alle porte e un insidioso Tottenham da affrontare. Seedorf sembra essere tornato sui livelli che gli competono: proprio l’olandese apre le marcature su assist (no look) di Ibrahimovic. Poi Cassano raddoppia, realizzando il primo gol con la maglia del Milan, dopo aver chiuso uno splendido triangolo con Gattuso. Nella ripresa il barese poi veste i panni da assistman e mette due volte Robinho nella condizione di battere Mirante per il definitivo risultato di 4 a 0.
Queste le emozioni del pomeriggio, in serata, nel secondo anticipo di Serie A, è arrivata la risposta del Napoli che viola l’Olimpico, batte la Roma con merito e grazie all’ennesima prestazione da applausi di bomber Cavani, autore della doppietta decisiva (20 in campioanto fino ad oggi), al termine di una gara nervosa e contraddistinta da numerosi fatti da moviola (tra i quali la gomitata di Lavezzi a Rosi che reagisce sputando all’avversario; prova tv in arrivo per il romanista).
Male i giallorossi, decimati in difesa dalle squalifiche di Burdisso e Mexes. L’undici di Ranieri soffre terribilmente la vivacità del tridente di Mazzarri e non riesce a produrre una reazione adeguata, dimostrandosi impotente di fronte alla grinta, alla determinazione e alla qualità della squadra napoletana, trascinata al successo ancora una volta dal “matador” Cavani. Borriello e Vucinic non pungono, Menez non regala la scossa sperata, la Roma finisce al tappeto con il risultato di 0 a 2.
E’ crisi per i capitolini, sconfitti ancora dopo il ko di Milano con l’Inter e fermi a 39 (c’è sempre da recuperare la sfida col Bologna). Il Napoli, invece, si conferma anti-Milan con i suoi 49 punti e continua a sognare. Con un Cavani così tutto può accadere.

Speak Your Mind

*