Alle 18 punti salvezza in palio tra Parma-Cagliari. Udinese a Verona, obiettivo terzo posto

Dopo i tragici fatti (la morte di Morosini) che hanno sconvolto e stoppato il calcio (il precedente turno sarà recuperato mercoledì 25, ndr), torna oggi la Serie A con ben 4 anticipi, due in programma alle 18 (Parma-Cagliari e Chievo-Udinese) e due alle 20 e 45 (Napoli-Novara e Catania-Atalanta). Partiamo, dunque, dalle gare pomeridiane.
Punti salvezza in palio al Tardini, tra i ducali di Donadoni e i rossoblù di Ficcadenti, appaiati in classifica a 38, mentre l’Udinese di Guidolin insegue il terzo posto Champions (occupato dalla Lazio a quota 54, a +3 sui friulani) nella tana di un Chievo ormai sostanzialmente tranquillo con i suoi 42 punti.
Partendo dalla delicata sfida di Parma, i gialloblù del tecnico Donadoni (oggi contro il suo passato, ndr), che recuperano Paletta in difesa, sono reduci dall’importante vittoria con il Novara e hanno tutta l’intenzione di ribadire il concetto anche contro i sardi di Ficcadenti per chiudere la questione salvezza. Spazio, dunque all’attacco collaudato Giovinco-Floccari, incaricato di trovare le reti della vittoria scaccia-incubi.
Incubi che vuole evitare, però, anche l’undici di Ficcadenti, sconfitto al Dall’Ara dal Bologna nell’ultimo turno di Serie A, e costretto dunque a far punti al Tardini per evitare guai maggiori. Le speranze, per gli isolani, sono tutte risposte nel fiuto del gol di Mauricio Pinilla, nelle qualità tecniche (quest’anno non sempre espresse) di Cossu  e nella grinta e determinazione di capitan Conti.
Altri punti pesanti sono in palio al Bentegodi tra Chievo e Udinese, nel secondo anticipo pomeridiano di Serie A. Soprattutto per i bianconeri di Guidolin che continuano la caccia alla Lazio e a quel terzo posto, distante solo tre punti, che consentirebbe di disputare la Champions nella prossima stagione. Il team di Di Carlo, invece, affronta la gara senza particolari problemi di classifica con 42 punti e una salvezza ormai acquisita.
Per quanto riguarda le formazioni, problemi in casa dei veronesi, per le assenze di Sardo e, soprattutto, bomber Pellissier (rimpiazzato da Thereau, in coppia con Paloschi), mentre nelle file dell’Udinese è rimasto a casa Domizzi, per motivi disciplinari (uno screzio con Armero, ndr). In avanti, come sempre, Totò Di Natale, con il talentuoso Torje a sostegno.

Speak Your Mind

*