Pari spettacolo tra Milan e Roma. Tanti errori e un Giacomelli disastroso

Il Monday Night non tradisce le attese: Milan e Roma danno spettacolo, chiudendo la loro sfida con uno spumeggiante 3 a 3. Dzeko replica a Ibrahimovic, Veretout a Saelemaekers, Kumbulla alla doppietta dello svedese, con il punto del pari finale. Alla squadra di Pioli sfugge la quinta vittoria su cinque in campionato, mentre Fonseca si tiene stretto un meritato pari di carattere. Tanti gli errori, male Giacomelli, soprattutto nei due penalty assegnati.

Ibra chiama, Dzeko risponde

Partenza forte del Milan che, dopo neanche due minuti, è già avanti nel punteggio. Fatale la distrazione di Kumbulla, con Ibrahimovic che riceve l’assist di Leao a tagliare la linea difensiva e appoggia in rete superando Mirante, anch’esso incerto nell’occasione.

I giallorossi, però, reagiscono e al 14′ trovano il pari. Sugli sviluppi di corner, uscita a vuoto di Tatarusanu (in porta per la positività al covid di Donnarumma) e Dzeko, di testa, non fatica ad appoggiare in rete.

Primo tempo scoppiettante e ricco di occasioni. Alla mezz’ora Kjaer, uno degli ex del match, colpisce il legno da angolo. Ibanez e Pellegrini rispondono per la Roma, con Tatarusanu ancora in difficoltà, ma comunque efficace. Al riposo, quindi, è 1 a 1.

Saelemaekers brucia Mirante, rigori dubbi, acuto finale di Kumbulla per il 3 a 3

In avvio di ripresa, come accaduto nel primo tempo, il Milan torna di nuovo avanti, per la seconda volta. Leao scatta sulla sinistra bruciando Karsdorp e mette al centro per l’inserimento di Saelemaekers che, lasciato colpevolmente solo, trafigge un incolpevole Mirante per il 2 a 1.

Ma, anche questa volta, il Milan non riesce a mantenere il vantaggio. contatto dubbio in area milanista tra Bennacer e Pedro (dalle immagini sembra essere lo spagnolo a toccare il piede del milanista), per Giacomelli è rigore che Veretout trasforma. 2 a 2.

Entrano anche Castillejo, Krunic e Cristante ma il protagonista, in negativo, è ancora Giacomelli. Mancini e Calhanoglu entrano in collisione in area (scontro veniale, con il rossonero che frana a terra). Per il fischietto triestino è ancora rigore, Ibrahimovic dal dischetto firma la doppietta e il 3 a 2 per l’undici di Pioli.

Il Milan sembra poter mettere la quinta, ma la Roma non molla. Con grande carattere la squadra di Fonseca pareggia definitivamente il match. L’inserimento di Kumbulla su calcio d’angolo è letale per Tatarusanu. Gol per l’ex Hellas, che si fa perdonare l’errore sul primo gol di Ibrahimovic. Finisce 3 a 3, un pari sostanzialmente giusto. Giacomelli? Non pervenuto.

Speak Your Mind

*