Zenit col cuore, sorride Spalletti. Battuto il Benfica nonostante le papere di Zhevnov

Lo Zenit supera 3 a 2 il Benfica nell'andata degli ottavi di Champions LeagueNell’andata degli ottavi di Champions League lo Zenit di Spalletti supera il Benfica per 3 a 2 al termine di una gara emozionante e incerta fino al fischio finale.
Grande prova di forza dei russi che, nonostante le defezioni (i vari Malafeev, Bukharov, Lazovic, Criscito e Danny) e le papere del portiere Zhevnov (estremo difensore bielorusso, classe 1981), all’esordio in Europa, riescono a domare i portoghesi di Jorge. Non troppo convincente la gara del Benfica, messo a dura prova dal gelido clima di San Pietroburgo, ma comunque il risultato mantiene intatte le possibilitàdi qualificazione della squadra lusitana.
Passando al calcio giocato, partenza terribile per i russi. Dopo circa venti minuti, sugli sviluppi della punizione di Cardozo, Zhvenov inziava il suo show personale, in negativo, e con la respinta corta consentiva a Maxi Pereira d’insaccare la palla dell’1 a 0. Lo Zenit, però, non si buttava giù e, dopo il destro di Kerzhakov, sventato dall’ex Siena Artur, al 27′ riusciva a pervenire al pari, grazie alla stoccata vincente di Shirokov sul cross dalla sinistra di Hubocan.
La rete del pari galvanizzava la compagine di Spalletti che, al 71′, dopo aver sofferto comunque l’intraprendenza dei lusitani, colpiva con Semak. Grande azione e rete magnifica del 36enne giocatore di mister Spalletti: tacco di Kerzhakov che rendeva utile una palla destinata sul fondo, cross immediato di Bystrov e altro tacco, vincente, di Semak, girato di spalle rispetto alla porta difesa dal brasiliano Artur.
Gara finita? Neanche per sogno. Infatti il Benfica non si da per vinto e grazie ad un’altra topica di Zhevnov trova il 2 a 2. Il bielorusso non trattiene la sfera, malamente, e per Cardozo il 21/o gol stagionale con la maglia delle Aquile è cosa fatta.
Lo Zenit, però, vuole la vittoria, e la trova. Eroe della serata è ancora una volta Roman Shirokov che sfrutta un’altra papera, questa volta di Maxi Pereira (autore dell’iniziale 1 a 0) per regalare a se stesso una sontuosa doppietta e alla squadra un prezioso 3-2 nell’andata degli ottavi di Champions League. Benfica ko, ma a l’Estadio Da Luz sarà una battaglia.

Speak Your Mind

*