(video) Mondiali 2010, Ottavi: Uruguay-Corea del Sud 2-1. Super Suarez, Celeste nei quarti, asiatici domati

Luis Alberto Suarez. E’ lui, il bomber dell’Ajax, con una doppietta, a regalare, dopo 40 anni, i quarti di finale all’Uruguay. Domata una Corea brillante e combattiva, che rimedia all’errore difensivo dei primi minuti, trova il pari, ma poi soccombe alla prodezza dell’uruguayano.  La Corea del Sud esce dunque di scena agli ottavi, tra gli applausi, invece i ragazzi di Tabarez festeggiano la qualificazione ai quarti di finale, dove troveranno la vincente del match di stasera, tra Usa e Ghana.
Passando al match, subito ritmi frenetici in questo primo ottavo di finale. Le due squadre si affrontano a viso aperto, senza troppi tatticismi e provano a costruire gioco ed emozioni.
E, all’8′ di gioco arriva il vantaggio dell’Uruguay. Cross di Forlan da sinistra, palla insidiosa che taglia fuori la difesa coreana, Suarez sbuca sul secondo palo e, molto agevolmente, infila la porta difesa da Sung-Ryong. Tutti fermi, difesa troppo statica, facile per il bomber dell’Ajax, al secondo centro in questo Mondiale.
Gli asiatici provano a reagire ma lo fanno con molta confusione. L’unico ad essere vivace e anche lucido nelle proprie iniziative d’attacco è Park Chu Yong che, al 32′, mette i brividi a Muslera.
Il giocatore della Corea prende palla a destra, rientra sul sinistro e prova la conclusione a giro. Palla ad un soffio dal palo alla destra del numero uno della Lazio.
Nel finale, ci prova ancora la Corea del Sud con Cha Du Ri, ma la conclusione, potente e tesa, finisce fuori di poco. 1 a 0 all’intervallo, Uruguay cinico in una delle poche occasioni create.
La ripresa, come accaduto nella prima frazione, si rivela subito scoppiettante. Al 4′, un’ingenuità di Jung Woo regala il via libera a Suarez che, invece di servire Cavani o Forlan, meglio posizionati, va al tiro, egoisticamente, ma non fa male a Sung Ryong.
Risposta coreana, poco dopo. Al 51′, Lugano respinge corto, di testa, e regala una chance incredibile a Park Chu Yong che, tuttavia, nonostante la posizione centralissima, nel cuore dell’area, manda alto fallendo l’occasione del pari. Incredibile errore del coreano.
La Corea insiste, però, e l’Uruguay soffre. Al 55′, accelerazione di Park Ji Sung (la prima importante per il gioiello dello United) che scarica sulla destra dove Park Chu Young va al tiro, ma Vitorino (subentrato nella ripresa al posto di Godin) salva tutto immolandosi sul tiro dell’attaccante.
Pochi istanti dopo questa buona iniziativa, gli asiatici protestano (sempre molto civilmente) per un rigore non concesso dal tedesco Stark e che è sembrato abbastanza evidente. Intervento di Cavani sulla gamba di Lee Young Pyo, l’arbitro indica che si può proseguire. Fortunato l’Uruguay che, nonostante qualche sofferenza di troppo, continua a conservare il prezioso punto di Suarez, ottenuto ad inizio gara.
Ma al 68′, sugli sviluppi di un contropiede perfetto, la Corea del Sud trova il pareggio. Calcio piazzato dalla sinistra, Victorino devia di testa, Muslera esce in ritardo, Lugano non ci arriva e Chung Yong scarica la sfera in fondo al sacco. Arriva al 68′ dell’ottavo di finale, il primo goal subito dall’Uruguay ma soprattutto il meritato pareggio della formazione di Hung Jung-Moo.
La Celeste, colpita ma non affondata, reagisce. Minuto 74, lancio di Fucile dalle retrovie, la difesa coreana sale male e sempre Suarez può colpire di testa, ma la sfera termina la propria corsa a lato.
Poi al 35′, ci pensa ancora Suarez a togliere le castagne dal fuoco a Tabarez. Corner per la Celeste, palla respinta dai difensori coreani, ma il “lanciere” si beve Jung Woo e con una conclusione a giro trova il 2 a 1. Palla che accarezza il palo e finisce dentro. Gran goal.
La Corea cade, ancora e forse irrimediabilmente, ma ci prova fino alla fine. All’87’, brividi pazzeschi per Muslera e l’Uruguay. Lee Dong Gook spara sotto le gambe del portiere, che si fa bucare ma viene salvato dal terreno reso pesante dalla pioggia incessante. La palla rallenta e Lugano può allontanarla con prontezza.
Finisce qui. Uruguay batte Corea del Sud 2 a 1 in un primo ottavo di finale ricco di emozioni e vola ai quarti di finale. Asiatici fuori, ma al termine di un mondiale sicuramente positivo.

URUGUAY: Muslera; M. Pereira, Lugano, Godin (1′ Vitorino), Fucile; Arevalo Rios, Perez, A. Pereira (25’st Lodeiro); Cavani, Forlan, Suarez (39’st Fernandez). All.: Oscar Tabarez.
COREA DEL SUD: Sung-Ryong; Du-Ri, Yong-Hyung, Jung-Soo, Young-Pyo; Jae-Sung (15’st Lee Dong Gook), Sung-Yeung (37’st Ki Hu), Jung-Woo, Chung-Yong; Ji-Sung; Chu-Young. All.: Hung Jung-Moo.
ARBITRO: Stark (Ger).
MARCATORI: 8’pt Suarez (U), 23’st Chung Yong (CDS), 35’st Suarez (U).

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

21total visits,2visits today

Speak Your Mind

*