(video) Mondiali 2010: Inghilterra-Usa 1-1. Gerrard non basta, Capello frenato da Green e da un opaco Rooney

Non basta la partenza lanciata dei bianchi di Capello per poter domare gli Usa di Bradley nella prima gara del Mondiale, per il Girone C (che comprende anche Slovenia ed Algeria). Partita scoppiettante, occasioni da entrambe le parti, per gli americani un pari d’oro, per Capello al contrario non è sicuramente l’avvio che si aspettava. Ma la formazione britannica si è rivelata, almeno questa sera, poco lucida, confusionaria e troppo legata agli acuti (che non ci sono stati) di Wayne Rooney.
Al 4′ il capitano del Liverpool, Steven Gerrard si muove bene al limite dell’area, chiede ed ottiene lo scambio con Heskey, entra in area e con un tocco in spaccata, secco e precisa, batte Howard per il vantaggio dell’Inghilterra.
Gli americani, colpiti a freddo, non ci stanno e reagiscono, sfiorando il pari dapprima con Dempsey e poi con Altidore che sfiora solamente la palla a pochi passi dal portiere inglese Green. Il pareggio, però, arriva e grazie ad una colossale “papera” dell’estremo difensore inglese.
Infatti, al 39′, Sulla conclusione dalla distanza di Dempsey, il portiere, inginocchiato in posizione per prendere comodamente la sfera, se la lascia sfuggire ed è inutile il successivo tentativo di acciuffarla, infatti la stessa finisce amaramente in fondo al sacco. La disperazione del numero uno inglese, e le scuse alle squadre ma il pasticcio è fatto. Clamoroso.
Capello, in maniera contenuta e con il solito aplomb si gira di spalle, in panchina Beckham rimane di sasso, incredulo di fronte all’errore del portiere. Ma il calcio è anche questo. 1 a 1 e squadre al riposo.
Nella ripresa, due occasioni clamorose, una per parte. Dapprima, al 7′ i bianchi di Capello sprecano con Heskey che, in azione di contropiede, solo davanti ad Howard si fa ipnotizzare dal portiere americano e gli “spara” in bocca. Poi però Altidore, al 20′,  fugge via a Carragher, entra in area dopo aver battuto sulla corsa il difensore britannico, conclude in porta da distanza favorevolissima, ma Green si riscatta, anche se con l’aiuto del montante.
Scampato il pericolo, l’Inghilterra riparte all’attacco ed è Rooney a provarci, dopo un primo tempo anonimo. Dapprima non riesce a schiacciare di testa un cross leggermente alto, poi ci prova da fuori area con una conclusione tagliata e velenosa, palla fuori di un nulla. Ma è troppo poco per un fuoriclasse come lui.
Il gol non arriva, anzi sono gli Usa a finire in attacco e a meritare ampiamente il pari contro la più quotata nazionale di Fabio Capello. Sessant’anni dopo la storica e ingloriosa sconfitta, le stelle e strisce si confermano, dunque, indigeste per una brutta Inghilterra, deludente in questa prima esibizione al Mondiale e che avrà bisogno di un altro Rooney e di maggiore concentrazione “tra i pali”.

MIGLIORE: Dempsey (Usa)
PEGGIORE: Green (Eng)

INGHILTERRA – USA 1-1
INGHILTERRA (4-4-2): 12 Green; 2 Johnson, 20 King (1’st Carragher), 6 Terry, 3 Ashley Cole; 7 Lennon, 4 Gerrard, 8 Lampard, 16 Milner (30’pt Wright Phillips): 21 Heskey (25’st Crouch), 10 Rooney. All.: Fabio Capello.
USA (4-4-2): 1 Howard; 6 Cherundolo, 15 DeMerit, 5 Onyewu, 3 Bocanegra; 10 Donovan, 4 Bradley, 13 Clark, 8 Dempsey; 17 Altidore, 20 Findley (22’st Buddle). All.: Bob Bradley.
ARBITRO: Carlos Simon (Bra).
MARCATORI
: 4′ Gerrard (I), 39′ Dempsey (U).


    (1-0. Gerrard)


    (1-1. Dempsey)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

10total visits,1visits today

Comments

  1. Non sottovalutiamo gli USA

Speak Your Mind

*