(video) Mondiali 2010: Ghana-Germania 0-1. Decide Ozil ma è festa anche per le Black Stars

A Johannesburg fa festa la Germania, ma anche il Ghana che nonostante la sconfitta con i tedeschi guadagna l’accesso agli ottavi di finale, in virtù della miglior differenza reti con l’Australia, vincitrice a sorpresa sulla Serbia ma messa fuori dalla batosta subita con i teutonici nella prima gara.
E tutto sommato potrebbe addirittura essere andata meglio ai ghanesi, unica squadra africana ad aver passato il turno, visto da seconda classificata pesca come avversario negli ottavi gli Usa (che sono comunque un’ottima formazione) primi nel loro girone. Come avevamo preannunciato invece, domenica a Bloemfontein ci sarà un Inghilterra – Germania da brividi e, visto che le polemiche tra le due nazioni sono iniziate già da qualche giorno, si preannuncia una vigilia tesa ed una sfida palpitante, in ossequio ad un’antica e mai sopita rivalità, spesso molto vicina all’odio vero e proprio (non solo calcistico purtroppo…).
Ma veniamo alla partita di ieri. Al Ghana bastava il pari, la Germania doveva vincere per evitare una clamorosa eliminazione. Ed erano proprio i tedeschi a partire forte. In avvio infatti il portiere ghanese Kingson era costretto a due grandi interventi, salvando prima sulla deviazione maldestra del compagno Jonathan Mensah sul cross di Podolski, poi su Ozil, presentatosi tutto solo in area, al 24’, ottima l’uscita di Kingson.
Il Ghana comunque non badava solamente a contenere, rispondendo immediatamente ai tedeschi con il colpo di testa di Gyan (25’) che faceva gridare al gol, ma Lahm salvava sulla riga. Nel finale ancora Germania in avanti e ancora Kingson attento sul colpo di testa di Mertesacker.
Partita molto equilibrata anche nella ripresa; è la compagine africana a rendersi immediatamente pericolosa, con Neuer costretto all’uscita risolutiva su Gyan lanciato a rete, chiudendo lo specchio e salvando la Germania. Ma il risultato si sblocca al quarto d’ora a favore dei tedeschi grazie alla perla del “turco” Ozil, il quale, servito al limite da Muller, lascia partire un gran sinistro che termina all’incrocio lasciando di stucco l’incolpevole Kingson.
Il Ghana colpito duro non barcolla, provando a reagire subito con il colpo di testa di Tagoe, deviato da Jerome Boateng, palla a lato di pochissimo. Poco dopo è ancora il solito Lahm a salvare provvidenzialmente su Ayew. Col passare dei minuti la spinta africana si affievolisce ed anche la Germania si limita a contenere risparmiando energie, anche perché da Nelspruit arrivano buone notizie.
Doppio vantaggio australiano, Serbia sotto e rischi azzerati per i tedeschi. Piccoli brividi invece per il Ghana (ai socceroos a quel punto sarebbero serviti altri due gol per passare il turno a spese dei ghanesi), dissoltisi nel momento del gol di Pantelic a cinque minuti dal termine. Qualificazione assicurata dunque per entrambe al fischio finale, saluti e abbracci a fine partita tra i giocatori e tra i due fratellastri, il Boateng “tedesco” Jerome, e quello ghanese Kevin Prince (partita che resterà nella storia dei mondiali come la prima che ha visto due fratelli giocare da avversari con la maglia di due nazionali diverse)…anche questo è il mondiale.

GHANA – GERMANIA 0-1
GHANA (4-2-3-1):
Kingson; Pantsil, Jonathan Mensah, John Mensah, Sarpei; Annan, K. Boateng; Tagoe (19’st Muntari), K. Asamoah, A. Ayew (47’st Adyiah); A. Gyan (37’st Amoah). CT.: Rajevac.
GERMANIA (4-2-3-1): Neuer; Lahm, Mertesacker, Friedrich, J. Boateng (28’st Jensen); Khedira, Schweinsteiger (36’st Kroos); Muller (22’st Trochowski), Ozil, Podolski; Cacau. CT.: Loew.
ARBITRO: Simon (Bra).
MARCATORE: 15’st Ozil (G).


    (highlights)
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

13total visits,1visits today

Speak Your Mind

*