Ufficiale, Balotelli al Manchester City. Firmato un contratto di cinque anni

Gran colpo del Manchester City che si assicura le prestazioni di “Super” Mario Balotelli per circa 28 milioni di euro. L’ufficialità arriva proprio dal sito ufficiale dei Citizens: “Voglio dare il massimo per questa squadra anche se avrei preferito proseguire il mio percorso di crescita nel mio paese. Ho bisogno di un ambiente più sereno intorno a me“. Sostenute le visite mediche, il talento azzurro ha firmato il contratto che lo legherà al club inglese per cinque anni, a 3,5 milioni di euro a stagione.
Entusiasta il tecnico, Roberto Mancini. A Sky Sport 24, lo jesino accoglie alla grande il quinto colpo della faraonica campagna acquisti della formazione di Manchester (Kolarov, Boateng, il talentuoso spagnolo Silva, Yayà Touré che ha così raggiunto il fratello Kolo e, appunto Balotelli): “Sono felice del suo arrivo. Stiamo migliorando la squadra con giocatori giovani, ma importanti. Mario è un investimento sicuro, ha un grande futuro davanti a sé, io non lo alleno da due anni, ma è un bravo ragazzo, ha fatto qualche colpo di testa, ma ci siamo passati tutti da giovani. Deve solo allenarsi bene e poi con il tempo migliorerà anche il proprio carattere“.
Parole dunque importanti quelle del “Mancio”, nei confronti di Balotelli, giocatore dotato di grande talento ed esplosività ma che ha troppo spesso avuto comportamenti “fuori dalle righe” (ricordiamo la maglia gettata a terra e gli insulti al pubblico interista) nel recente trascorso a Milano. Grandi mezzi fisici, ottima tecnica di base e un’abilità importante anche sui calci piazzati… L’unica incognita è appunto dettata dai comportamenti ma già nelle ultime apparizioni, e soprattutto in quella con la maglia azzurra della nuova Italia di Prandelli, ha mostrato grande spirito di sacrificio e una predisposizione che fanno ben sperare per il futuro.
Nato a Palermo il 12 agosto del 1990, e trascorsa una lunga trafila a Brescia (Lumezzane, Padova…), il calciatore approda all’Inter nel 2006. L’esordio in A avviene, però, un anno più tardi, il 16 dicembre del 2007 a Cagliari: da allora il “bizzoso” numero 45 ha vinto tre scudetti, una Coppa Italia, una Supercoppa e una Champions, quella appena terminata, e collezionato 86 presenze con 28 reti, oltre ai sei gol messi a segno nell’Under 21 azzurra in 16 apparizioni. Ora la Premier League, alla ricerca di serenità. In bocca al lupo Mario.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*