Spagna e Nigeria al comando nel Girone B. Le Aquile travolgono Tahiti

Nell’Arena POduamadi bomber della Nigeriaernambuco di Recife la Spagna mette subito in chiaro le cose, nel match d’esordio in Confederations Cup, e con il risultato di 2 a 1, s’impone al cospetto di un grintoso Uruguay, conquistando i primi tre punti della sua avventura in Brasile. Cavani in ombra, meglio Suarez, autore di uno strepitoso gol su punizione che, però, ha solamente lenito l’amarezza della Celeste per la sconfitta.
Passando proprio al calcio giocato, le Furie Rosse, campioni d’Europa e del Mondo in carica impiegano venti minuti per il sorpasso: Al 21′, sugli sviluppi di un corner, la palla schizza fuori area, sui piedi del talento blaugrana Pedro che, con il destro, trafigge l’incolpevole Muslera, ingannato dalla deviazione, decisiva, di Lugano.
Il gol scuote l’Uruguay che cerca di verticalizzare la sfera per il Matador partenopeo, Cavani, ma così facendo si espone ai contropiedi micidiali della Spagna che, poco dopo la mezzora, raddoppia. Assist delizioso di Fabregas per Soldado che, con un interno destro, supera l’ex portiere biancoceleste, uscito dai pali per fermare il bomber del Valencia.
Con le chiavi del match in tasca, gli spagnoli amministrano in tranquillità la situazione, anche se nella ripresa, l’Uruguay tenta il tutto e per tutto. Colpo di coda all’88’, quando su calcio da fermo Luis Suarez disegna una parabola splendida che non lascia scampo al madrileno Casillas. Non succede però il miracolo, vince la Spagna che vola in testa, per l’Uruguay partenza in salita.
In testa, insieme alla Spagna, ma con una migliore differenza reti, si pone la Nigeria, la quale strapazza con un facile e largo 6 a 1 la modesta selezione di Tahiti. In una gara che ha visto splendere la stella di Oduamadi, attaccante del Varese (ma in prestito dal Milan, ndr), autore della sua prima tripletta in carriera, rimarchiamo il piccolo grande record di Jonathan Tehau (uno dei membri della famiglia, ndr) che realizza dapprima una rete (la prima storica marcatura di Tahiti nella Confederations Cup) e poi realizza un autogol.

Speak Your Mind

*