Spagna da record, 10 gol a Tahiti. L’Uruguay batte la Nigeria e torna a vedere la semifinale

Spagna-TahitiEloquente il risultato: 10 a 0. Con questo punteggio da record nelle fasi finali di un torneo Fifa la Spagna Campione d’Europa e del Mondo sommerge di reti Tahiti e vola in semifinale di Confederations Cup 2013. Nell’altra sfida vittoria fondamentale dell’Uruguay che supera 2 a 1 la Nigeria e vede la semifinale (nell’ultima giornata la Celeste sfiderà Tahiti mentre gli africani se la dovranno vedere con le Furie Rosse).
Dopo il bellissimo gesto dei tahitiani che si sfilano le collane di fiori e le fanno indossare agli avversari si parte e la Spagna (schierata da Del Bosque nella sua formazione “B”, ndr) inizia il suo (previsto e prevedibile) monologo contro i ragazzi di Eddy Etaeta. E’ stata una passeggiata con i tahitiani mai in grado di impensierire la difesa delle Furie Rosse e con gli spagnoli che invece penetravano le linee nemiche con estrema semplicità trovando reti a grappoli.
Mattatore del match il Nino Fernando Torres, autore di un poker ma protagonista anche di un errore dal dischetto (la sua conclusione colpisce la parte alta dell’incrocio dei pali e porta all’esultanza incredibile del portiere Roche), tripletta per David Villa, due le firme di Silva, una sola invece quella di Mata. La Spagna vince 10 a 0 e vola in semifinale, per Tahiti che resta a 0 sono 20 i gol incassati in due gare e 1  solo quello segnato (di Jonathan Tehau nel 6 a 1 subito dalla Nigeria).
Molto più interessante il secondo match di giornata nel Girone B. Nello stadio di Fonte Nova infatti va in scena una gustosa battaglia agonistica tra Uruguay e Nigeria con la Celeste che la spunta per 2 a 1, grazie al meraviglioso sinistro di Forlan e torna prepotentemente in corsa per la semifinale.
Uruguay in vantaggio al 19′: Cross basso di Forlan e tap-in vincente di Lugano. Le Aquile nigeriane, però, non restano a guardare e al 37′ impattano il match. Obi Mikel al limite dell’area lascia sul posto Lugano e infila all’incrocio dei pali.
Al 6′ della ripresa, tuttavia, arriva la rete che regala i primi tre punti all’undici di Tabarez e che soprattutto, con l’ultima gara da giocare contro Tahiti, consente ai di ben sperare in ottica qualificazione. Con una ripartenza che coglie di sorpresa la difesa nigeriana, Suarez apre per Cavani, che di prima gira una palla perfetta a Forlan. L’ex interista dal vertice sinistro la mette all’incrocio dei pali. 2 a 1 e vittoria in archivio. E probabilmente anche la qualificazione.

Speak Your Mind

*