Sarà Francia-Germania. Fuori le due africane Nigeria ed Algeria

Schurrle trascina ai quarti la GermaniaNei quarti di finale sarà Francia-Germania. Questo il verdetto uscito dalla penultima giornata di ottavi di finale, a Brasile 2014. Partiamo dai galletti di Deschamps che faticano più del previsto ma alla fine domano la brillante Nigeria di Keshi, con le reti di Pogba (che punisce di testa lo svarione in uscita alta di Enyeama, perfetto fino a quel momento, ndr) e l’autogol di Yobo, che compie il pasticcio in collaborazione con il proprio portiere, per anticipare Griezmann.
Se i transalpini hanno dovuto faticare per aver ragione della Nigeria, non è stato da meno alle 22 italiane per la Germania, alla quale sono serviti gli overtime per domare l’Algeria e ribadire il concetto espresso in amichevole e nel 1982 in Spagna. I panzer tedeschi, infatti, soffrono la verve delle “volpi” soprattutto nel primo tempo, poi però escono nella ripresa e sfiorano a più riprese la rete, che non arriva nei regolamentari. Il sorriso, invece, si materializza al secondo minuto del primo tempo supplementare con il tacco vincente di Schurrle sull’assist di Muller. Ozil fa 2 a 0 al 119′ e chiude i giochi, anche se l’Algeria viene premiata, prima di abbandonare il Mondiale, dalla rete di Djabou per il 2 a 1 finale.
L’Africa, dunque, abbandona il Mondiale definitivamente, ma lo fa con due prove di spessore, quella della Nigeria che, soprattutto nel primo tempo, fa impazzire la difesa francese con le accelerazioni di Musa e il movimento di Emenike (va anche in gol, annullato giustamente per offside), e quella dell’Algeria che nei primi 45 minuti, si rende pericolosa più volte e mette in crisi il reparto difensivo lento della Germania.
Nella Francia trascinatore sicuramente Pogba, e non solo per l’opportunismo in occasione della rete, ma soprattutto “faccia d’angelo” Griezmann. L’attaccante della Real Sociedad è la mossa azzeccata di Deschamps, il grimaldello che scardina la difesa Nigeria e lancia la Francia ai quarti. In casa tedesca, invece, con Muller costretto a fare i conti con una serata non felicissima in fase finalizzativa (anche per le parate di Mbolhi), bravo Schurrle che impatta alla grande, in corsa, e trova nel primo overtime il fondamentale 1 a 0 di tacco (cosa che gli era riuscita già nell’amichevole pre-mondiale contro l’Armenia, ndr) che rasserena gli animi dei tedeschi. Germania avanti, sarà supersfida nei quarti contro la Francia per un posto tra le migliori 4.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Speak Your Mind

*