Sampdoria vittoriosa sul Debrecen. Decide Pazzini dal dischetto

Come il Palermo, anche la Sampdoria esce vittoriosa (rompendo il digiuno che durava da un mese) e con i punti in tasca al termine della seconda giornata di Europa League, nonostante una gara non memorabile e un gioco che ancora latita. Pazzini, su calcio di rigore, affonda il Debrecen e lancia i blucerchiati a 4 punti nel girone, insieme al Psv Eindhoven, uscito vincitore sul campo del Metalist. Questo, alla fine, è quello che conta.
I tre punti, in attesa di tempi migliori. Questo avrà pensato Di Carlo, consapevole di non aver visto i suoi ragazzi giocare una partita eccezionale. Ma serviva ritrovare il successo e questo è arrivato, grazie al penalty concesso al 18′, e trasformato dall’ariete sampdoriano, che torna a brindare con il goal dopo parecchio tempo.
Laczko trattiene in area il centravanti sampdoriano e l’arbitro fischia il rigore. Pazzini, che non segnava dagli sfortunati preliminari di Champions, si presenta sul dischetto e trasforma con freddezza. Sembra l’avvio di una goleada blucerchiata, ma invece gli ungheresi non si scompongono e, anzi, si rendono pericolosi, protesi con grande grinta alla ricerca del pari. Come al 45′, quando Curci deve compiere un bell’intervento su Czvitkovics, che salva il prezioso vantaggio.
Ripresa più viva ed emozionante. Pazzini sfiora il raddoppio, in alcune circostanze, ma i magiari non restano a guardare e ancora Curci è protagonista su Kiss e il solito Czvitkovics, che mettono i brividi alla difesa doriana.
La gara poi si assesta, con il Debrecen che molla la presa e la Samp che amministra, portando a casa il prezioso risultato di vittoria. Contava quello, Di Carlo può sorridere.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

6total visits,1visits today

Speak Your Mind

*