Ronaldo si sblocca e il Real manda ko lo Schalke. Subito Basilea, risponde il Porto

Ronaldo di testa fa 1 a 0Dopo 4 ore e 59 minuti di digiuno Cristiano Ronaldo ritrova il gol e il Real prende il comando, a Gelsenkirchen, contro lo Schalke, nell’andata degli ottavi di Champions, poi ci pensa Marcelo, con una perla, a incastonare la palla del 2 a 0 finale che avvicina i galattici ai quarti di finale. Tutto in bilico, invece, tra Basilea e Porto, anche se l’1 a 1 finale regala un piccolo vantaggio ai lusitani, in vista del ritorno all’Estadio do Dragao.
Lo scorso anno fu 6 a 1 per il Real, quest’anno è stato 0 a 2, ma la sostanza è l’ennesima prova di forza del Real di Ancelotti (alla 18^ vittoria su 20 gare in Champions alla guida dei blancos), poco spettacolare ma assolutamente concreto, contro lo Schalke di Di Matteo che ci prova ma si arrende di fronte alle prodezze degli avversari.
Al minuto 26 finisce il digiuno di Cristiano Ronaldo che, di testa, sull’assist di Isco, firma il vantaggio del Real Madrid. 58 gare in Champions, 58 reti, chapeau.
I tedeschi provano a reagire, nella ripresa, e l’occasione più nitida porta la firma di Platte, classe ’96 (che aveva preso il posto dell’infortunato Huntelaar). Gran conclusione, di prima intenzione, dal limite dell’area, e palla che sbatte sulla traversa, poi Uchida va per ribattere ma viene fermato. Casillas, prima di rimettere in gioco, ringrazia con un tocco delicato la trasversale.
E’ il segnale che la Dea bendata è con i galattici perchè poco dopo Marcelo chiude i giochi. Destro da videogioco, del brasiliano, e sfera che s’insacca sotto l’incrocio dei pali, 2-0 e fine dei discorsi. Al Bernabeu, salvo clamorose imprese teutoniche, sarà una formalità.
Resta invece in bilico il discorso qualificazione, ai quarti di Champions, tra Basilea e Porto. Infatti, nell’andata degli ottavi, in terra svizzera, la compagine del lusitano Sousa sfiora il colpaccio, grazie alla rete in apertura di Derlis Gonzalez. Bravo ma sfortunato il paraguaiano perchè nell’occasione (scontro con Fabiano) sì’infortuna all’orecchio ed è costretto ad uscire.
Colpaccio solamente assaporato. Infatti, a dieci minuti dalla fine l’ex Roma e Inter, Walter Samuel tocca la palla con la mano in area. E’ calcio di rigore, trasformato da Danilo per l’1 a 1 decisivo. La qualificazione si deciderà ad Oporto, il 10 marzo.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

12total visits,1visits today

Speak Your Mind

*