Roma ko a Borisov, non basta la reazione. Tracollo Arsenal, Rimonta Barca

il Bate supera la RomaRovinosa caduta in terra bielorussa per la Roma di Garcia che, nella 2^ giornata di Champions, esce sconfitta per 3 a 2 dal match disputato contro il Bate Borisov, avanti addirittura 3 a 0, complice un primo tempo da horror dei giallorossi (con papera clamorosa dei Szczesny che si posiziona malissimo in porta e viene beffato dalla conclusione avversaria in occasione del secondo gol della formazione di Yermakov).
Nella ripresa la Roma reagisce. Dapprima arriva la rete di Gervinho, su assist di Salah, e poi la firma di Torosidis che da pochi passi, sugli sviluppi di una splendida iniziativa di Digne, firma il 3 a 2 che riaccende le speranze giallorosse. Speranze, però, stoppate irrimediabilmente dalla traversa clamorosa colpita da Florenzi, sfortunato nell’occasione che poteva completare la remuntada.
Roma ultima nel Girone E con un solo punticino, mentre festeggia la prima vittoria (4 punti totali grazie al pari dell’esordio in casa della Roma) il Barca che orfano di Messi, va sotto contro i tedeschi del Bayer Leverkusen, per poi rimontarli e batterli grazie alle reti di Sergi Roberto e Suarez, con tanto di dedica di quest’ultimo al compagno, infortunato, Leo Messi (“Va Por Ti” e il 10 mimato con le dita delle mani al momento dell’esultanza).
Tante occasioni e 4 pali nel primo tempo, ma ad andare in rete alla Gerland è il Valencia con un gran tiro da fuori area di Feghouli al 42’ (non perfetto il portiere avversario Lopes). Il Lione prova a reagire nella ripresa, a caccia del pari, ma senza riuscirci e deve arrendersi alla sconfitta. Nell’altra sfida del Girone H, seconda vittoria in Champions per lo Zenit che grazie al 2 a 1 finale supera un ostico Gent e si issa in vetta con 6 punti: grande protagonista, questa volta in versione assistman, il brasiliano Hulk, che dapprima serve a Dzyuba la palla dell’1 a 0, poi, regala a Shatov il pallone della vittoria, dopo il momentaneo 1 a 1 belga firmato da Matton.
Tracollo Arsenal nel Girone G. La formazione inglese non ripete la bella vittoria con il Leicester e cade all’Emirates di fronte ai greci dell’Olympiacos, abili nello sfruttare le amnesie difensive avute dall’undici di Arsène Wenger. 3 a 2 il finale e primi tre punti per la formazione ellenica, mentre i Gunners restano a 0 dopo due gare e sono fortemente a rischio eliminazione.
Sono subito i ragazzi del Pireo a trovare il vantaggio con Pardo, al quale replica subito Walcott per il botta e risposta iniziale. Papera di Ospina (che blocca la palla su corner e poi se la porta dentro da solo, ndr), in porta al posto di Cech, e nuovo vantaggio dell’Olympiacos. Nel secondo tempo il cileno Sanchez fa 2 a 2 ma dopo nemmeno 2 minuti Finnbogason si coordina bene in area e di prima intenzione mette in rete sper il 3 a 2 finale. Per l’Arsenal l’incubo Champions prosegue.
Nell’altra gara del Girone F, invece, nonostante le assenze di Benatia, Ribery, Robben e Vidal, arriva la manita del Bayern alla Dinamo Zagabria e il successo che vale la vetta del raggruppamento con 6 punti. Altri 3 gol per un Lewandowski stratosferico e autore di 10 firme in 7 giorni. Le altre reti portano le stigmate di Gotze e Douglas Costa (autore quest’ultimo dell’iniziale 1 a 0, ndr).
Chiudiamo con il Girone G. Mourinho torna a Oporto, nello stadio che lo ha reso famoso, ma la sfida contro il passato la vincono i Dragoni per 2 a 1. A sbloccare il match ci pensa Andre bravo a farsi trovare al momento giusto nel posto giusto. I Blues non demordono e riportano il risultato in parità grazie a Willian. Nella ripresa, però, sugli sviluppi di corner è Maicon, di testa, a firmare il successo del Porto. Mourinho ko e fermo a 3 punti arrivati dalla vittoria nella gara inaugurale contro il Maccabi.
L’undici di Tel Aviv, infine, sconfitto nella prima sfida, giocata a Londra, cade anche in casa contro la Dynamo Kiev, vittoriosa per 2 a 0 nella 2^ giornata di Champions. Yarmolenko e Moraes gelano lo stadio Bloomfield e regalano la vittoria e i 4 punti in classifica alla formazione ucraina, prima insieme ai lusitani.

RISULTATI, MARCATORI E CLASSIFICHE GIRONI E-H CHAMPIONS LEAGUE:

Gruppo E
Bate Borisov – Roma 3-2 (Stasevich all’8′, Mladenovic al 12′ e al 31′, Gervinho al 66′, Torosidis all’82’)
Barcellona – Bayer Leverkusen 1-1 (Papadopoulos al 22′, Sergi Roberto all’80’, Suarez all’82’)

Classifica: Barcellona 4 Bate Borisov 3 Bayer Leverkusen 3 Roma 1

Gruppo F
Arsenal – Olympiakos 2-3 (Felipe Pardo al 33′, Walcott al 35′, Fortounis al 40′, Sanchez al 65′, Finnbogason al 66′)
Bayern Monaco – Dinamo Zagabria 5-0 (Douglas Costa al 12′, Lewandowski al 21′, Gotze al 24′, Lewandowski al 27′ e al 55′)

Classifica: Bayern Monaco 6 Dinamo Zagabria 3 Olympiakos 3 Arsenal 0

Gruppo G
Porto – Chelsea 2-1 (Andre al 39′, William al 46′, Maicon al 52′)
Maccabi Tel Aviv – Dinamo Kiev 0-2 (Yarmolenko al 4′, Moraes al 50′)

Classifica: Dinamo Kiev 4 Porto 4 Chelsea 3 Maccabi Tel Aviv 0

Gruppo H
Lione – Valencia 0-1 (Feghouli al 42′)
Zenit – Gent 2-1 (Dzyuba al 34′, Matton al 56′, Shatov al 67′)

Classifica: Zenit 6 Valencia 3 Gent 1 Lione 1

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

8total visits,1visits today

Speak Your Mind

*