Roma-Juventus 0-2. Storari rilancia la Signora, i giallorossi durano un tempo

Ennesima chance sprecata, nella corsa Champions, dalla Roma di Montella, che non sfrutta i capitomboli di Lazio (nel pirotecnico 3 a 4 con il Napoli) e Udinese (0 a 2 a Lecce) e, nel posticipo della 31° giornata di Serie A, rimedia addirittura una sconfitta contro la Juventus di Delneri (orfana di Chiellini e Del Piero) con il risultato di 0 a 2.
Grande protagonista il romano Storari, lanciato dal tecnico di Aquileia al posto dell’influenzato Buffon. Il portiere juventino, ancora una volta, si esalta contro la squadra capitolina e con delle parate strepitose (incredibile quella sulla conclusione volante di Totti) respinge gli assalti dell’undici giallorosso, scatenato nella prima frazione di gioco. Nella ripresa, poi, la squadra di Montella cala vistosamente e lascia spazio alle ripartenze dei bianconeri, che si dimostrano cinici con Krasic e Matri, autori dei goals vittoria.
La partita dell’Olimpico segna, dunque, il rilancio delle ambizioni europee della Juventus e una brusca frenata, in ottica Champions, per la Roma, che frana per l’ennesima volta quando sarebbe servita la prestazione importante e  sabato si presenta, col morale sotto i tacchi, nella tana dell’Udinese, sconfitta a Lecce e decisa a vendicarsi proprio a spese dei giallorossi, diretti concorrenti per un posto nell’Europa che conta.
Passando alla cronaca dell’incontro, parte forte la Roma, decisa a farsi un sol boccone della squadra torinese. Sono dei primi 45 minuti le occasioni più clamorose, create ma non sfruttate dai giallorossi, per merito soprattutto di un super Storari, chiamato tra i pali al posto del febbricitante Buffon. Dapprima su Vucinic (sinistro dal limite dell’area), poi nell’occasione del destro volante di Totti, il numero uno bianconero si dimostra prodigiosoe tiene in partita la Juventus, capace di farsi vedere in avanti solamente con accelerazioni di un Krasic in grande spolvero.
Nella ripresa, invece, la situazione muta, improvvisamente. I giallorossi sembrano accusare la fatica di un primo tempo ad alti ritmi e cominciano a lasciare spazio (troppo) alla squadra bianconera che, al quarto d’ora della ripresa, passa in vantaggio. Il redivivo Grosso (abbronzatissimo e scattante come ai tempi dei Mondiali del 2006) si rende protagonista di una bella azione sulla sinistra e poi serve sul palo lungo Krasic, la cui battuta al volo non lascia scampo a Doni. Juventus sorprendentemente in vantaggio, dopo che le occasioni migliori erano capitate sui piedi di Totti e compagni.
La Roma si sbilancia, nel tentativo di raddrizzare le sorti dell’incontro, ma si espone ai contropiede della Juventus che, dapprima, fallisce una ghiotta occasione con Pepe, poi chiude i giochi con Matri. L’ex attaccante del Cagliari parte in posizione regolare (tenuto in gioco da Juan), sull’assist sempre di Grosso, e una volta davanti a Doni, lo trafigge con un rasoterra secco e preciso.
Partita chiusa. Roma in affanno e incapace di offrire una valida reazione, Juventus che controlla alla grande la situazione e torna nella città della Mole con i tre punti in tasca. Una vittoria pesante che lascia intravedere di nuovo qualche speranza europea, in casa dei bianconeri, e che regala ossigeno prezioso a Delneri in una serata resa difficile dalle assenze. Amarezza per Montella e per i giocatori, delusi e ora chiamati ad un pronto riscatto nella difficile trasferta di Udine di sabato prossimo.

IL TABELLINO DI ROMA-JUVENTUS (0-2):
ROMA (4-2-3-1): 32 Doni, 29 N. Burdisso, 5 Mexes (5′st Cassetti), 4 Juan, 17 Riise, 7 Pizarro, 16 De Rossi, 94 Menez, 20 Perrotta (28′st Taddei), 9 Vucinic (28′st Borriello), 10 Totti. A disp.: 1 Lobont, 87 Rosi, 30 Simplicio, 33 Brighi. All.: Montella.
JUVENTUS (4-3-3): 30 Storari, 2 Motta (45′pt Grygera), 19 Bonucci, 15 Barzagli, 6 Grosso (37′st Sorensen), 4 Melo, 14 Aquilani, 8 Marchisio, 27 Krasic (42′st Salihamidzic), 32 Matri, 23 Pepe. A disp.: 13 Manninger, 17 Traore, 30 Toni, 38 Libertazzi. All.: Delneri.
ARBITRO: Rocchi di Firenze.
MARCATORI: 17′st Krasic, 29′st Matri (J).

Comments

  1. Grande Matri!!!!

Speak Your Mind

*