Roma corsara a Genova in rimonta, il Napoli risponde con Higuain

Higuain risponde alla Roma, il Napoli si riprende il secondo postoTutto immutato, nella lotta al secondo posto, a due giornate dalla fine della Serie A. La Roma rimonta il Genoa, a Marassi, e con il 3 a 2 finale si porta via la posta in palio, in serata però pronta risposta del Napoli che piega 2 a 1 l’Atalanta con la doppietta del solito micidiale “Pipita” Higuain, arrivato a quota 32 gol (in 33 partite), a -3 dal record di Nordahl (superato intanto il record di Toni, che con 31 centri realizzati con la maglia della Fiorentina era il miglior marcatore della Serie A nell’era dei 3 punti, ndr), e si siprende la seconda piazza, operando il controsorpasso sui giallorossi di Spalletti.
La Roma assapora per poche ore il secondo posto, grazie alla vittoria in rimonta firmata Totti-El Shaarawy con il capitano giallorosso ancora una volta decisivo a gara in corso (punizione pazzesca del 2 a 2, nulla da fare per Lamanna, miracoloso invece nel primo tempo, ndr) e il Faraone che segna il gol vittoria (dell’ex) su sponda deliziosa di Dzeko, ma poi lo cede al Napoli di Sarri, vittorioso contro l’Atalanta dell’ex, Reja, grazie al suo strepitoso cannoniere argentino.
Nella serata in cui Marek Hamsik viene premiato da Bortolotti e Luis Vinicio per le 400 presenze con la maglia partenopea, è sempre Gonzalo Higuain a fare la voce grossa. 10 minuti di gara e il “Pipita” va in gol, proprio grazie all’ennesimo assist dello slovacco.
Tante le occasioni sprecate dagli azzurri finchè, a risolvere le cose, ci pensa ancora Higuain con una frustata di testa che vale il 2 a 0 e il 32esimo centro in Serie A in stagione (sempre più vicino ai 35 di Nordahl).
L’Atalanta, però, ha ancora voglia di far vivere qualche brivido al pubblico del San Paolo con altri due subentrati, Conti e Freuler, che confezionano il gol del 2-1, provocato da un intervento in scivolata di Koulibaly dal quale scaturisce la deviazione di Albiol. Sofferenza finale, ma vittoria condotta in porto. Il Napoli torna secondo, a 180 minuti dalla fine, e con 15 successi interni e 48 punti supera il primato della stagione 2012/13 (14 successi e 46 punti, ndr).

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

9total visits,1visits today

Speak Your Mind

*