Roma, che batosta. Il Barca vince 6 a 1, doppiette per Messi e Suarez

Messi doppietta, Barcellona 6 belloDisfatta giallorossa al Camp Nou. Finisce 6 a 1 per il Barca, nella 5^ giornata del Gruppo E di Champions, ma Roma che nonostante la batosta in terra catalana, si avvicina ad ampie falcate alla qualificazione. Basterà, infatti, conquistare i tre punti contro il Bate il 9 Dicembre p.v. all’Olimpico per evitare brutte sorprese (potrebbe bastare un pari, in caso di pareggio dei tedeschi del Leverkusen contro i blaugrana già qualificati e matematicamente primi, ma in caso di pareggio o sconfitta dei giallorossi, le “aspirine” volerebbero agli ottavi proprio a spese dei capitolini).
Tornando a ieri, è stata una mattanza, una gara senza storia, con il tridente Messi-Neymar-Suarez che ha imperversato in lungo e largo e una squadra, quella di Garcia, che non è riuscita ad opporre una valida resistenza ai fenomeni catalani, reduci (ricordiamolo) dal poker inflitto al Real nel “Clasico“, al Bernabeu. Forse (minimamente) il risultato di Borisov delle 18, l’1 a 1 tra bielorussi e tedeschi, che ha regalato grandi chance di qualificazione ai giallorossi, ha condizionato la prova del gruppo capitolino, ma questa considerazione non deve essere una giustificazione in relazione ad una prestazione che va dimenticata il prima possibile.
Dzeko fallisce un gol fatto, di testa, davanti a Ter Stegen, poi al 15′ Suarez rompe l’equilibrio e fa 1 a 0, finalizzando la grande iniziativa, sulla corsia, di Dani Alves. Due minuti e il Barca raddoppia: azione “da Barca“, Suarez serve Messi, pallonetto morbido su Szczesny e anche la Pulce torna a festeggiare, dopo l’infortunio.
Nel finale, ci riprova la Roma con alcune punizioni insidiose di Pjanic e il diagonale di Florenzi, ma è ancora Suarez a mettere la sua firma sul gol blaugrana, il terzo, che chiude la frazione e, di fatto, anche la gara. Destro al volo fantastico, da mostrare ai ragazzi della Scuola Calcio, e palla in fondo al sacco.
Si riparte, dopo l’intervallo, senza Nainggolan (perchè diffidato e a rischio Bate) e con Iturbe, inserito da Garcia per dare nuova linfa all’attacco giallorosso. Ma il Barca non si ferma e continua a macinare gioco e a segnare.
Arriva il primo centro stagionale di Piqué, facile facile, su cross di Messi, il secondo di Re Leo, segna anche l’obiettivo del calciomercato giallorosso, con il tap-in sul rigore di Neymar, stranamente a secco nonostante la goleada blaugrana.
Rigore anche per la Roma, ma Dzeko si lascia ipnotizzare da Ter Stegen, poi lo stesso centravanti bosniaco, al 91′, realizza il gol della bandiera giallorossa, di testa.
Barcellona alieno, Roma troppo brutta per essere vera. 16 gol subiti in 5 gare, ma la qualificazione è ad un passo.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

1total visits,1visits today

Speak Your Mind

*