Risultati: Tottenham-Real 0-1. Ronaldo risponde a Messi, tutto pronto per il Clasico

Nessuna sorpresa al “White Hart Lane”. Il Real Madrid, forte del vantaggio di quattro reti ottenuto all’andata, vince anche a Londra guadagnando l’accesso in semifinale di Champions League, traguardo che mancava da 8 anni (nel 2003 fu eliminato dalla Juve, storica bestia nera della squadra madridista). Messi e Ronaldo, botta e risposta, due reti in due partite di per sé inutili, ma che fungono da preludio alla sfida infinita tra Real e Barcellona. In meno di un mese sono in programma quattro confronti su tre fronti: Champions, Coppa del re, Liga.
Nonostante il risultato dell’andata permettesse di scendere in campo con assoluta tranquillità, Mourinho non rinuncia a nessuno dei suoi titolari, neppure a quelli a rischio squalifica (in aperta protesta contro l’Uefa per l’episodio di qualche mese fa che portò alla squalifica del tecnico e di alcuni giocatori) tra cui il gioiello portoghese Cristiano Ronaldo .
Primo tempo in cui il Real controlla e soffre quasi nulla. Gli inglesi ci provano certo, soprattutto appoggiandosi alle corsie laterali con i soliti Bale e Lennon: i due corrono come treni, l’uno a sinistra, l’altro a destra, arrivano sul fondo, crossano e… stop. Palloni buttati in mezzo per Pavlyuchenko, Modric e compagni senza risultati. Partita blindata, per non dire noiosa.
Ripresa invece che si apre col botto. Al 5’ CR9 controlla la palla e spara da quasi 40 metri un destro che il “portierone” Gomes accompagna amabilmente in rete (far giocare Cudicini no?). siperazione sul volto e nei gesti del numero uno degli Spurs per una topica clamorosa.
Con il risultato ora ancor più sigillato, lo special one toglie Ronaldo e fa entrare Kakà. Il brasiliano si dimostra sempre più in crescita, di testa e di gambe, entrando subito in partita con un destro che mette nuovamente alla prova Gomes, che stavolta risponde bene deviando in angolo. Anche Casillas dall’altra parte è chiamato in causa e salva il risultato con un paio di interventi decisivi.
In uno scontro difficile da definire tale, si trova però il tempo per omaggiare un pezzo di storia. I tifosi spagnoli accolgono infatti con un’ovazione la notizia del gol di Raul contro l’Inter, segno che certi amori, certi campioni, certe bandiere non si dimenticano.
Finisce 1-0 il ritorno dei quarti di finale di Champions. Il Real si guadagna una doppia sfida stellare con i blaugrana, Mourinho incontra di nuovo, dopo un anno, il suo nemico Guardiola, sempre per giocarsi l’accesso alla finale europea. Il mondo non vede l’ora godersi lo spettacolo.
Tra i tantissimi tifosi della squadra con la “camiseta blanca” ce ne sarà uno davvero d’eccezione: Rafa Nadal. Lui sul tetto del mondo (tennistico) lo è già, ce la farà anche la sua squadra del cuore? (Camilla Elisa Vignoli)

Speak Your Mind

*