Risultati Anticipi: Lazio-Genoa 4-2. Poker da copione, Hernanes rinnova le speranze Champions

In attesa di vedere cosa combinerà la Roma a Catania ma soprattutto l’Udinese, scalzata momentaneamente dal quarto posto ma attesa dal match di Verona col Chievo, la Lazio supera all’Olimpico il Genoa per 4-2, come da copione (Grifone senza particolari stimoli), nell’anticipo pomeridiano della 37° giornata di Serie A, e continua a sperare nella conquista del preliminare di Champions. Dopo tre sconfitte consecutive (Inter in esterna, Juve in casa e di nuovo, Udinese al Friuli la scorsa settimana), la compagine capitolina si riscatta, trascinata al successo dal “profeta” brasiliano Hernanes.
Le diverse motivazioni, alla lunga, hanno deciso il risultato finale del match dell’Olimpico. Dopo un primo tempo giocato sottotono (ci sono stati anche i fischi dei tifosi) con i biancocelesti in vantaggio grazie al colpo di testa di Biava, ma recuperati dopo pochi giri d’orologio dall’argentino Palacio, la Lazio si scatena nella ripresa e conquista la posta in palio nella 37° fatica in Serie A. Proprio nella seconda frazione di gioco è emersa la voglia della squadra di Reja di “portare a casa” i tre punti, per continuare a sperare, mentre il Genoa, appagato dalla libidinosa vittoria nel derby con la Samp (sempre più lontana dalla salvezza) ha mollato e i tre gol in venti minuti, siglati dalla Lazio con Rocchi ed Hernanes (doppietta) hanno chiuso l’incontro e deciso il risultato finale.
Gara chiusa, anche se nel finale, un Genoa come sempre combattivo ed orgoglioso trova ancora la via della rete con il bomber campano Floro Flores, marcatura atta solamente a rendere meno pesante il passivo ma che non provoca conseguenze particolari sul risultato finale a favore dei biancocelesti. Genoa ko, Lazio che vince e non molla il sogno Champions.

LAZIO-GENOA 4-2
LAZIO (4-3-1-2): Muslera; Lichtsteiner (61′ Scaloni), Biava, Stendardo, Garrido; Ledesma, Matuzalem (64′ Gonzalez), Mauri; Hernanes; Zarate, Rocchi (83′ Floccari). A disposizione: Berni, Bresciano, Foggia, Sculli. All. Reja.
GENOA (4-3-3): Eduardo; Rafinha, Dainelli (62′ Moretti), Criscito, Antonelli; Rossi, Milanetto (64′ Veloso), Kucka (67′ Destro); Palacio, Boselli, Floro Flores. A disposizione: Perin, Polenta, Jelenic, Paloschi. All. Ballardini.
ARBITRO: Damato di Barletta.
MARCATORI: 7′ Biava (L), 12′ Palacio (G), 52′ Rocchi, 55′ e 66′ Hernanes (L), 89′ Floro Flores (G)

Speak Your Mind

*