Risultati 34 giornata: Bayern campione di Germania, Bochum retrocesso

Mancava solamente l’ufficialità. La differenza reti stratosferica (+17) prima dell’incontro con il già retrocesso Hertha Berlino, rendeva l’ultima gara una vera e propria formalità. Ultima sfida che si è conclusa per 3 a 1, grazie alla premiata ditta OlicRobben, e fiumi di birra hanno inondato di felicità Monaco di Baviera. Il Bayern è Campione di Germania, per la 22esima volta nella propria storia.
Meritato il successo dello squadrone bavarese di Van Gaal, il quale dopo aver vissuto un autunno bestiale (squadra in crisi e mister ad un passo dall’esonero) è riuscito ad invertire la rotta e a guidare la formazione dell’Allianz-Arena verso il trionfo finale. E il 22 maggio prossimo, a Madrid, il tecnico olandese sfiderà José Mourinho nella finale di Champions League.
“Attapirato” lo Schalke di Magath che, tornato da Magonza con un pari a reti bianche, si arrende al verdetto finale. L’undici di Gelsenchirchen sventola, dunque, bandiera bianca dopo aver comunque  ingaggiato con il Bayern una lotta gagliarda, bellissima, e aver inseguito quel Mesterschale che manca in bacheca dal 1958. Non è andata come sperato, ma il secondo posto, che vale l’ingresso diretto nella Champions del prossimo anno non è per niente male.
Esulta il Werder Brema che, col pari (1 a 1) ad Amburgo, entra nell’Europa che conta, conquistando il terzo posto a spese delle “aspirine”. I ragazzi di Leverkusen, dopo aver a lungo guidato il campionato, crollano nell’ultimo mese e devono addirittura accontentarsi dell’Europa League (insieme al Borussia Dortmund quinto). Il Bayer, infatti, non riesce ad espugnare Mönchengladbach: Brouwers pareggia i conti dopo l’uno a zero esterno di Helmes, e spezza definitivamente i sogni Champions della formazione di Jupp Heynckes.
Passando alla zona “calda” della graduatoria, già abbiamo detto dell’Hertha, retrocessa matematicamente da qualche settimana in “Zweite Liga” . L’ultima giornata stabilisce i verdetti finali: retrocede anche il Bochum (ko in casa per 3-0 con l’Hannover), mentre il Norimberga terzultimo si giocherà la permanenza in “Serie A” nel playoff con la terza della seconda divisione, l’Augsburg.
Chiudiamo con i bomber. Il “principe” dei cannonieri, in Germania, è il bosniaco Edin Dzeko cheè diventato il miglior “Torjager” del 2009/10 con 22 centri dopo il secondo posto dello scorso anno. Più sorprendente, invece, il campionato del 26enne Stefan Kiessling, autore di 21 gol con il Leverkusen, e di Lucas Barrios, il 25enne centravanti argentino del Borussia Dortmund, a segno 19 volte.

Ecco il quadro colpeto dell’ultima giornata di Bundesliga:
Werder-Amburgo 1-1
58′ Pizarro (W), 82’Van Nistelrooy (A)
Friburgo-Dortmund 3-1
47′ Barrios (D), 60′ Idrissou (F), 70′ Cissè (F), 90′ Cissè (F)
Norimberga-Colonia 1-0
88′ Ottl (N)
Hertha-Bayern 1-3
20′ Olic (B), 60′ Ramos (H), 74′, 87 Robben (B)
Wolfsburg-Eintracht 3-1
21′ Misimovic (W), 31′ Riether (W), 34′ Dzeko (W), 86′ Altintop (E)
Mainz 05-Schalke 0-0
Borussia Mönchengladbach-Leverkusen 1-1
34′ Helmes (L), 55′ Brouwers (G)
Hoffenheim-Stoccarda 1-11
9′ Cacau (S), 44′ Vukcevic (H)
Bochum-Hannover 96 0-3
9′ Bruggink, 23′ Hanke, 45′ Pinto (H).

Speak Your Mind

*